Durante un’asta molto competitiva, Apple è riuscita ad acquisire i diritti per l’adattamento televisivo dei romanzi di fantascienza noti come Ciclo della Fondazione di Isaac Asimov. La serie, su cui lavora dallo scorso giugno Skydance Television, una divisione della società di produzione televisiva americana Skydance Media, si compone di sette romanzi scritti tra il 1951 e il 1992 dallo scrittore russo.

La saga di fantascienza, che inizialmente nasce come Trilogia della Fondazione per poi arricchirsi di altri quattro volumi, ha come protagonista il matematico e psicostoriografo dell’Impero Galattico Hari Seldon, un uomo che è in grado di prevedere il futuro.

Seldon, in vista dell’imminente crollo dell’Impero Galattico, da vita ad una comunità di scienziati – la Fondazione – che avranno l’incarico di creare l’Enciclopedia Galattica, un’opera senza precedenti che dovrà cercare di mantenere intatto il sapere tecnologico e scientifico per le generazioni che verranno. Le vicende narrate nei romanzi coprono un periodo temporale lungo diversi anni e vedono l’ascesa e la caduta di più imperi. Per questo motivo, non sarà impresa semplice adattarli per una serie televisiva.

Il compito, però, è stato assegnato David S. Goyer e Josh Friedman che lavorano all’adattamento da diversi mesi e che ricopriranno i ruoli di produttori esecutivi e showrunner al fianco di Marcy Ross, Dana Goldberg e David Ellison. Goyer è noto nel settore per aver lavorato a titoli come “Il cavaliere oscuro”, “Batman Begins” “Ghost Rider”; Friedman, invece,  è noto per aver ideato “Terminator: The Sarah Connor Chronicles” e “Emerald City”.

Oltre all’adattamento TV che riguarda le opere di Asimov, Apple sta lavorando a molti altri progetti di fantascienza, tra cui spiccano “Amazing Stories” di Steven Spielberg, un’avventura spaziale di Ronald D. Moore, meglio conosciuto per aver scritto alcuni episodi della serie “Battlestar Galactica” del 2004, e un dramma epico intitolato “See” prodotto da Steven Knight. Voci di corridoio sostengono che già all’inizio del 2019 uno di questi progetti potrebbe debuttare sul piccolo schermo.