Fortnite arriva su Android, ma non è per tutti e non può essere scaricato dal Play Store

03/08/2018

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Dopo aver festeggiato il primo compleanno di Fortnite il mese scorso, l’ormai celebre titolo per iPhone, iPad, Xbox One, PlayStation 4 e PC Windows sta per sbarcare anche su Android. Ma…

A causa delle comparto grafico e della potenza richiesta, la versione per Android di Fornite richiede un smartphone di alta fascia per funzionare. Dunque, dei 2.5 miliardi di dispositivi Android di tutto il mondo, solo 300 milioni eseguiranno fluidamente il gioco, stando al CEO di Epic Games Tim Sweeney.

«L’attuale versione di Android non è un fattore così determinante quanto la CPU e il processore grafico», ha affermato Sweeney. «Tutti i dispositivi di almeno tre anni fa con una GPU di alta fascia eseguiranno il gioco abbastanza bene».

Il popolare gioco multiplayer arriva su Android in una modalità che è forse la parte più interessante della questione. Sweeney ha infatti rivelato ai colleghi di VentureBeat che il gioco richiederà il download dell’APK dal sito ufficiale della società, ovvero epicgames.com. Sì avete letto bene, Fortnite arriverà su Android, ma non tramite il Play Store.

«Recatevi sul nostro sito, cliccate sul pulsante per il download e seguite la procedura guidata per scaricare ed installare Fortnite. Non ci sono assolutamente store di terze parti coinvolti. È come un’esperienza PC, il modo in cui gli utenti PC e Mac installano Fortnite», ha dichiarato il CEO di Epic Games.

Ma perché Epic Games non ha scelto il Play Store come piattaforma di distribuzione? Vi anticipiamo, c’è anche una motivazione economica.

Ci sono due motivi che ci hanno portato a questa decisione. La prima, vogliamo avere un relazione diretta con i nostri clienti. Su piattaforme aperte come PC e Android, è possibile ricevere il software direttamente da noi. Possiamo avere un contatto diretto con gli utenti e non avere un distributore di terze parti come terzo incomodo. La seconda motivazione è relativa invece all’attuale modello economico dell’ecosistema dello store. C’è solitamente una divisione 30/70. Dal 70%, lo sviluppatore paga tutti i costi per lo sviluppo del gioco, il suo marketing e via dicendo. Per la maggior parte degli sviluppatori, si tratta di quasi tutto il ricavo. Stiamo provando a rendere disponibile il nostro software agli utenti nel modo più efficiente da un punto di vista economico.

Dato che Fornite è gratuito, l’unico ricavo per Epic Games è rappresentato dagli acquisti in-app. Anche sotto questo punto di vista, il gioco è un successo: Fortnite ha generato più di un miliardo di dollari di ricavi fino ad oggi, e i download non si contano.

I pagamenti in-app su Fortnite per Android possono essere effettuati tramite carta di credito e conto PayPal.

Dopo aver festeggiato il primo compleanno di Fortnite il mese scorso, l’ormai celebre titolo per iPhone, iPad, Xbox One, PlayStation…

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Se questo articolo ti è piaciuto, seguici su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter e su Instagram, pronti a sorprenderti con belle foto. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in:

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Prima di commentare, leggi il Regolamento. Se commenti, dichiari di aver letto ed accettato tutte le nostre regole sulle discussioni nel nostro Blog.