Notizie

Netflix, Amazon, Apple e altri streamer dovranno produrre il 30% dei contenuti in Europa

Servizi di video-streaming come Netflix e Amazon Prime Video non potranno più operare in paesi dell’Unione Europea a meno che non producano alcuni contenuti sul territorio.

Roberto Viola, capo del dipartimento della Commissione Europea che regola l’operato (anche) dei network, ha affermato che le nuove leggi per i servizi di video-streaming stranieri saranno approvate a Dicembre. “Abbiamo bisogno del voto finale, ma è una pura formalità“, ha dichiarato al Festival del Cinema di Venezia in una intervista concessa a Variety.

Non è ancora chiaro come la Commissione intenderà incentivare i giganti dello streaming a investire capitale per l’acquisizione di contenuti già esistenti di produttori Europei o per la creazione di nuovi. I 28 stati membri dell’UE avranno 20 mesi a disposizione per applicare le nuove norme.

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!