Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Apple all’U.S. Congress: “nessuna prova a sostegno dell’hack della catena di distribuzione”
Apple

Apple all’U.S. Congress: “nessuna prova a sostegno dell’hack della catena di distribuzione” 

Il capo della sicurezza di Apple ha confermato al Congresso degli Stati Uniti d’America che non sono stati trovati segni di trasmissioni sospette o altre prove della compromissione della sua catena di distribuzione in Cina.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

In una lettera indirizzata alla Camera e al Senato, il vice-presidente Apple per la security George Stathakopoulos ha riportato che l’azienda ha condotto più indagini senza però trovare prove a sostegno del rapporto in cui Bloomberg Businessweek suggeriva l’esistenza di chip all’interno dei server Apple utilizzati per trasmissioni in backdoor.

“Gli strumenti per la sicurezza di cui dispone Apple sono costantemente in azione per scoprire traffici in uscita sospetti, come indicazione dell’esistenza di malware o altre attività malevoli. Nulla è stato mai trovato”, ha scritto Stathakopoulos.

La lettera fa seguito al comunicato rilasciato dal Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti d’America di poche ore fa e in cui si afferma che non c’è alcun motivo per dubitare delle aziende che si sono opposte al rapporto di Bloomberg relative allo spionaggio cinese.

Di seguito un estratto del comunicato:

Il Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti d’America è a conoscenza delle notizie relative alla compromissione di catene di distribuzione di aziende tecnologiche. Come i nostri partner nel Regno Unito, il Centro Nazionale di Sicurezza Informatica, ad oggi non abbiamo alcun motivo di dubitare di quanto dichiarato dalle aziende citate nel rapporto.

Apple, per tutelarsi e difendersi dalle accuse, ha pubblicato un dettagliato comunicato stampa sul proprio sito. Bloomberg Businessweek, invece, non ha ancora rilasciato un commento sull’evolversi della situazione.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.