Durante l’evento che si sta tenendo in questi minuti a New York, Apple ha presentato il nuovo Mac Mini. Si tratta di un grande update che, seppur non intacchi minimamente l’estetica del dispositivo, ne migliora significativamente l’hardware e le prestazioni.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Mac Mini è molto più di un computer desktop: è un cervello in grado di gestire sistemi di ogni tipo. E adesso, con i processori Intel quad-core e 6-core di ottava generazione e la grafica Intel UHD Graphics 630, ha ancora più potenza di elaborazione per flussi di lavoro di livello industriale. Per racchiudere tutta questa potenza nel guscio di sempre, Apple ha riprogettato da zero l’architettura termica di Mac Mini, dotandolo di archiviazione flash, ventola più grande, prese d’aria più ampie e un nuovo alimentatore.

Questo nuovo Mac Mini ha una memoria SO-DIMM DDR4 a 2666MHz ad alte prestazioni, che dà una notevole accelerata quando si effettuano rendering, quando si ha a che fare con file pesanti o con più macchine virtuali alla volta. Da oggi poi, è possibile configurarlo con ancora più memoria (fino a 64GB) per gestire flussi di lavoro ancora più impegnativi.

L’archiviazione flash PCIe rende le velocità di lettura fino a quattro volte superiori rispetto alle opzioni flash precedenti. In questo modo, sarà possibile caricare file enormi e aprire le app in modo ancora più rapido. E con l’unità SSD da 2TB, lo spazio di archiviazione sarà raddoppiato.

Inoltre, Mac Mini è dotato il chip T2 Security, seconda generazione del processore Apple ideato su misura per il Mac. È progettato per rendere il Mac Mini ancora più sicuro: riunisce diversi controller in uno, e racchiude un coprocessore Secure Enclave che costituisce la base per le funzioni di avvio protetto e archiviazione criptata.

Ma non è ancora tutto. Mac mini infatti ha tante porte diverse, per adattarsi a una grande varietà di flussi di lavoro. Thunderbolt 3 è la porta Apple più potente e versatile di sempre, e Mac mini ne ha quattro. La nuova porta HDMI 2.0 offre più ampiezza di banda rispetto alla versione precedente, per supportare frame rate più elevati. E ora è possibile dotare Mac mini con la tecnologia 10 Gigabit Ethernet, che permette di spostare montagne di file ed enormi volumi di dati sfrecciando a una velocità fino a 10 volte superiore.

Il nuovo Mac Mini sarà disponibile a partire dal prossimo 7 novembre ma potrete ordinarlo già da oggi. I prezzi? 919€ per la versione quad-core e 1269€ per il modello con processore 6-core. Per maggiori informazioni, vi invito a consultare il sito ufficiale cliccando qui.