L’iPad Pro, presentato da Apple lo scorso 30 ottobre insieme al MacBook Air e al nuovo Mac mini, è stato senza dubbio il protagonista indiscusso dell’evento che si è tenuto a New York. In rete cominciano a comparire tutta una serie di recensioni dettagliate, alcune autorevoli altre meno che, però, sembrano essere tutte d’accordo. Il nuovo iPad Pro, infatti, è stato capace di far esclamare “wow” a chiunque lo abbia provato.

iPad Pro

Perfetto il Face ID, meraviglioso il Display Liquid Retina edge-to-egde e comoda la Smart Keyboard Folio. Ma quello che emerge davvero dalle recensioni pubblicate online è che non siamo più di fronte ad un normale tablet, bensì ad un dispositivo in grado di concorrere, in alcuni casi, addirittura con laptop basati su Core i7, e questo grazie al suo processore A12X Bionic a 7 nanometri.

Definito completo, versatile e potente – forse più di quanto avremo mai bisogno – da chiunque lo abbia avuto tra le mani, probabilmente il nuovo iPad Pro di Apple non potrà mai sostituirsi ad un computer, perché di fatto non lo è. Potrebbe, però, dare vita ad un nuovo modo di essere creativi e produttivi, un modo che non abbia niente a che vedere con le vecchie norme informatiche dipendenti dal clic di un mouse e che consenta l’interazione fisica con la realizzazione di contenuti digitali di altissimo livello. Un aspetto certamente da non sottovalutare.

Nessun laptop è in grado di emulare le capacità di disegno della Apple Pencil o di essere facile da impugnare o utilizzare con il tatto. Nessun laptop ci si avvicina nemmeno. L’iPad Pro, in questo caso, ha un chiaro vantaggio sui PC”. – WIRED

Narinder Sagoo, architetto e designer, ha realizzato il seguente disegno con iPad Pro ed Apple Pencil.

Ma a chi è destinato realmente questo nuovo iPad Pro?

Ebbene, il profilo di colui che dovrebbe assolutamente acquistare il nuovo iPad Pro è quello del creativo professionista. Perché? Perché nessun computer vi offrirà mai un’esperienza creativa come quella che invece è in grado di offrivi iPad Pro abbinato alla nuova ed apprezzatissima Apple Pencil, descritta così da Daring Fireball:

La nuova Apple Pencil è uno dei migliori prodotti “2.0” che abbia mai visto. L’originale Apple Pencil è un prodotto fantastico, ma la nuova si avvicina alla perfezione per il concetto.

E’ chiaro che chiunque potrà comprare il nuovo iPad Pro; c’è chi lo comprerà semplicemente perché deve avere a tutti i costi l’ultimo e più grande dispositivo Apple. Ma sappiate che non è assolutamente un dispositivo di consumo come magari lo erano i suoi predecessori.

Sarebbe davvero insensato dotarsi di un tablet come questo se poi non venisse utilizzato per creare qualcosa di, come minimo, grandioso. Come, ad esempio, questo progetto sperimentale realizzato con iPad Pro e Apple Pencil da Pokras Lampas, unendo disegno digitale, arte tradizionale e fotografia mobile.

Il punto debole di iPad Pro è iOS?

Se siete utenti “normali” (non creativi di professione, intendo), per quanto l’iPad Pro sia potente a livello hardware, il nuovo tablet di Apple resterà semplicemente il miglior tablet che potrete acquistare finché non sarà supportato da un software altrettanto potente e funzionale. Il sistema operativo attuale, infatti, non sembra essere all’altezza del potenziato dispositivo che lo ospita e che, proprio per questa ragione, non può essere considerato una valida alternativa ad un computer tradizionale. Ed il motivo ce lo spiega WIRED:

Come un PC di lavoro più tradizionale però, spessa fatica. Ad esempio, ho scritto questa recensione sul Pro con Google Docs mentre aprivo anche le pagine Web sul lato destro dello schermo, ma mi ci è voluto più tempo del normale per fare ricerche e raccogliere link e un bel po’ di tempo per capire come compiere altre azioni. Volevo utilizzare la normale versione web di Documenti, ma dovevo utilizzare per forza l’App. Nel mio ufficio utilizziamo anche uno strumento di collaborazione chiamato Airtable che non funziona in un browser iPad. Mi ha anche reindirizzato sull’app, che però mancava di funzionalità chiave. Anche allegare file specifici è stato un incubo con l’app Gmail. Alcune app, come Spotify, non consentono affatto il multitasking Split View (visualizzazione side-by-side). Devi usarli a schermo intero. I fogli di calcolo sono anche più difficili e più lenti da manipolare nelle app che ho utilizzato.

Ho trovato soluzioni a tutti questi problemi, e sono sicuro di poter continuare a trovare soluzioni creative per far funzionare iPad Pro come un PC, ma i problemi continueranno ad arrivare. I browser web dell’iPad sono ancora trattati come le loro controparti per smartphone meno capaci, e le app che dovrebbero funzionare al loro posto a volte mancano di funzionalità invece presenti su desktop. Parte di questo è colpa degli sviluppatori, ma anche Apple ha delle responsabilità.

Non sembra che il mondo sia pronto per trattare il mio iPad come un PC, anche se questo iPad è molto più potente e facile da usare. Ora che Apple ha dichiarato che l’iPad è un PC, dovrebbe togliere più guardrail da iOS e incoraggiare fortemente gli sviluppatori a trattarlo come fanno con il Mac. È tempo che iOS cresca.

L’iPad Pro potrebbe essere migliore di un PC. O anche meglio di un Mac. Per ora, deve ancora accontentarsi di essere il miglior tablet sul mercato.