Il periodo buio continua e questa volta raggiunge anche Foxconn. Una nota interna all’azienda parla di un taglio ai costi e licenziamenti del personale, anche nella divisione che si occupa della produzione di iPhone.

foxconn

Questa notizia andrà ad incrementare il pessimismo sulle vendite dei prodotti Apple perchè Foxconn, il principale fornitore dell’azienda, ha dichiarato un periodo di crisi.

Il documento svela tagli di costi per 20 miliardi di yuan, circa 3 miliardi di dollari. Un terzo di questa cifra colpirà la divisione che si occupa dell’assemblaggio di iPhone. Foxconn svela: “il 2019 sarà un anno molto difficile e competitivo”.

Foxconn non ha soltanto Apple tra i clienti, anche se l’azienda di Cupertino è sicuramente quello principale, provvedendo al 45% dei ricavi. Ne desumiamo che la crisi non riguarda soltanto Apple ma anche altre aziende, tuttavia questa notizia non farà bene alle azioni AAPL che sono in forte discesa dall’inizio del mese.

Parte di questa crisi è dovuta anche ai dazi tra USA e Cina secondo quanto deciso da Trump.