Tra qualche giorno Apple lancerà il proprio servizio in abbonamento che permetterà agli utenti di avere tutte le notizie e gli articoli delle riviste direttamente su Apple News, molti hanno accettato di entrare in questo nuovo sistema, altri no.

Il The Washington Post e il New York Times, hanno infatti declinato l’offerta di Apple e proprio il CEO del NYT, Mark Thompson, ha avvisato le altre testate di fare molta attenzione. Thompson ha riferito a Reuters:

Un abbonamento mensile al New York Times costa $15, e Thompson ha detto che non ha intenzione di rinunciare a questo per partecipare ad altre piattaforme come quella di Apple.

L’anno scorso, il Times ha generato oltre 700 milioni di dollari di ricavi digitali, vicino all’obiettivo aziendale di $800 milioni di vendite digitali annuali entro il 2020. Le entrate pubblicitarie digitali hanno superato le entrate pubblicitarie per la prima volta nel quarto trimestre del 2018. Il Times ha reinvestito nella sua redazione, che ora con 1.550 giornalisti è il più grande di sempre.

Secondo le indiscrezioni l’accordo con Apple prevederebbe il 50% delle entrate da dividere tra gli editori su base pro-rata. Secondo molti il seguente accordo rimarrebbe sconveniente per le 10 testate maggiori degli stati uniti.

Mark Thompson, amministratore delegato del più grande quotidiano americano secondo gli abbonati, ha avvertito che affidarsi alla distribuzione di terze parti può essere pericoloso per i publisher che rischiano di perdere il controllo sul proprio prodotto.

“Tendiamo ad essere piuttosto diffidenti sull’idea di quasi abituare le persone a trovare il nostro giornalismo da qualche altra parte”, ha detto a Reuters in un’intervista Giovedì. “Siamo anche genericamente preoccupati per il fatto che il nostro giornalismo venga strapazzato in una specie di Magimix (frullatore) con il giornalismo di tutti gli altri”.

 

Thompson sosteneva che accettare i termini di Apple avrebbe dato tutto il potere alla società di Cupertino. Disse che le lezioni potevano essere apprese dall’esperienza Netflix, dove le emittenti vendevano felicemente i loro contenuti al servizio di streaming video, solo per scoprire che si è trasformato in un affare unilaterale più avanti sulla linea.

“Anche se Netflix ti ha offerto un bel po ‘di soldi. … Ha davvero senso aiutare Netflix a costruire una gigantesca base di abbonati al punto in cui potrebbero effettivamente spendere 9 miliardi di dollari l’anno per creare i propri contenuti e successivamente mi pagheranno sempre meno per la mia libreria? “, si è  chiesto.

Bisognerà attendere qualche giorno per vedere quali testate faranno parte del servizio e quali, invece, avranno seguito il suggerimento del CEO del New York Times. Non sappiamo se il servizio sarà lanciato anche in Italia.