Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

La Cina ha sfruttato l’iPhone per colpire il popolo degli Uiguri
iPhone

La Cina ha sfruttato l’iPhone per colpire il popolo degli Uiguri 

La scorsa settimana abbiamo riferito la scoperta di Google di una vecchia vulnerabilità di iPhone, ora risolta da Apple, che ha consentito a siti Web dannosi di rubare dati da migliaia di utenti in un periodo di due anni.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Google ha descritto questi attacchi nel suo post originale sul blog come “indiscriminati“, tuttavia un rapporto di TechCrunch suggerisce che i siti Web facevano parte di un attacco sostenuto dallo stato che colpiva specificamente i musulmani Uiguri.

I siti Web facevano parte di una campagna mirata al gruppo religioso infettando un iPhone con codice dannoso semplicemente visitando una pagina Web compromessa. Nell’ottenere l’accesso illimitato al software dell’iPhone, un utente malintenzionato potrebbe leggere i messaggi, le password e tracciare la vittima in tempo quasi reale.

Secondo le fonti di TechCrunch, dietro i siti Web dannosi c’era il governo cinese, che infettavano anche i non uiguri che accedevano involontariamente a questi domini perché erano indicizzati nella ricerca di Google. Si dice che l’FBI abbia avvisato Google di chiedere la rimozione dei siti dal suo indice per prevenire le infezioni.

iphone

Pechino ha cercato a lungo di reprimere la comunità uigura di minoranza etnica nello stato del Xinjiang, con brutali repressioni negli anni ’80 e ’90 che hanno portato a un numero significativo di uiguri che fuggivano dalla Cina per chiedere asilo.

L’anno scorso, almeno un milione di uiguri sono stati arrestati nei campi di internamento, secondo il comitato dei diritti umani delle Nazioni Unite. Pechino afferma che i centri nello Xinjiang sono destinati alla “formazione professionale“, ma un’audizione del Congresso degli Stati Uniti sui campi li ha definiti centri di “rieducazione politica“.

 

 

 

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.