AppleNews

Apple e Foxconn ammettono di assumere troppi lavoratori temporanei in Cina per assemblare iPhone

Apple e Foxconn hanno ammesso di reclutare troppi agenti temporanei in una delle più grandi fabbriche di iPhone del mondo, a seguito di un rapporto di un gruppo di difesa senza fini di lucro che asserisce dure condizioni di lavoro (via Bloomberg).

Apple ha confermato l’affermazione secondo cui il suo principale produttore di iPhone, Foxconn, ha assunto troppi agenti temporanei. Le leggi del paese specificano che il personale temporaneo, noto anche come addetto alle spedizioni, non può superare il 10% della forza lavoro totale di un’azienda. Tuttavia, secondo quanto riferito Foxconn aveva raggiunto 50%.

L’organizzazione senza fini di lucro China Labor Watch ha pubblicato un rapporto in cui affermava di aver ricevuto denunce relative alle condizioni di lavoro, compresi gli straordinari, nello stabilimento di Zhengzhou della Foxconn.

“Apple e Foxconn sanno che il problema con i lavoratori addetti alla spedizione è in violazione delle leggi sul lavoro, ma poiché è redditizio assumere lavoratori addetti alle spedizioni, non hanno affrontato il problema”, ha affermato Li Qiang, direttore esecutivo di China Labor Watch. “Hanno permesso a queste violazioni di continuare nel corso degli anni”.

Pur non affrontando se ciò costituisca una violazione delle leggi cinesi, Apple ha dichiarato di aver indagato sul problema e ha concluso che “ha superato i nostri standard“.

“Per garantire il rispetto dei nostri standard elevati, disponiamo di solidi sistemi di gestione a partire dalla formazione sui diritti sul posto di lavoro, interviste sul posto di lavoro, canali di reclamo anonimi e audit in corso”, ha continuato Apple.

Apple ha inoltre affermato di collaborare con Foxconn per “risolvere immediatamente il problema” del personale temporaneo. E per quanto riguarda le condizioni di lavoro straordinario, la società ha dichiarato che “questo problema è stato corretto“.

Foxconn ha detto che stava affrontando tutti i problemi.

foxxconn

“Abbiamo trovato prove del fatto che l’uso degli addetti alle spedizioni e il numero di ore di lavoro straordinario svolto dai dipendenti, che abbiamo confermato essere sempre volontario, non era coerente con le linee guida aziendali”, ha continuato Foxconn in una nota.

Nessuna delle due società ha affrontato le ulteriori affermazioni di China Labor Watch su presunti abusi verbali, molestie sessuali ed esposizione a sostanze chimiche tossiche.

Il rapporto specifica che l’uso di personale temporaneo da parte di Foxconn si verifica durante l’alta stagione di produzione per gli iPhone di Apple. Foxconn ha reclutato reclutato durante l’estate per prepararsi alla produzione degli iPhone che verranno presentati domani.

Questo rapporto arriva anche in un momento in cui le relazioni USA / Cina sono sotto pressione e le aziende, tra cui Apple, stanno pianificando di spostare la produzione dalla Cina continentale.

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!