Concorrenza

Spotify: l’accusa nei confronti di Apple non regge. L’azienda viene nuovamente interrogata

Dopo il reclamo presentato da Spotify per pratica anti-concorrenziale da parte di Apple, l'azienda vuole essere riascoltata dal Congresso degli Stati Uniti perchè l'accusa non regge.

A Marzo Spotify ha presentato un reclamo all’Antitrust contro Apple, accusando l’azienda di Cupertino di pratica discriminatoria.

PUBBLICITÀ

Questo perchè Apple trattiene una commissione del 30% da tutti i ricavi proveniente dalle vendite App Store, inclusi gli abbonamenti in-app. Secondo Spotify questo comportamento ostacola i servizi concorrenti perchè di fatto percepiscono una quota inferiore e non possono in alcun modo pubblicizzare (all’interno dell’app nè tanto meno tramite email) la possibilità di abbonarsi attraverso il sito ufficiale piuttosto che tramite in-app, perchè altrimenti violerebbero le regole di Apple che porterebbero all’estromissione da App Store.

Spotify

La risposta di Apple non è tardata ad arrivare:

Quella che usa Spotify è “retorica fuorviante”. L’azienda vuole tutti i vantaggi di un’app gratuita senza essere realmente tale. Spotify paga ad Apple una commissione del 15% per solo lo 0,5% dei suoi abbonati Premium, quindi nulla di così trascendentale. La “tassa” viene applicata soltanto sulla vendita di beni digitali mentre su beni reali o servizi come Uber non ci sono commissioni. Inoltre Apple accoglie con favore la concorrenza, tant’è vero che altri servizi sono inclusi in App Store, un luogo sicuro e affidabile per scoprire e scaricare applicazioni oltre ad una grande opportunità commerciale per tutti gli sviluppatori.

A seguito di questa risposta, il Congresso degli Stati Uniti avrebbe chiesto a Spotify informazioni relative alle sue accuse anticoncorrenziali contro Apple e se l’azienda non sarà rispondere in maniera concreta, si giungerà ad un’altra vittoria per Apple.

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button