AppleNews

Apple accusata di aver aiutato e favorito il lavoro minorile forzato 

Un ricorso di classe sostiene che Apple, Google, Tesla e altri, hanno sfruttato consapevolmente il lavoro minorile nelle miniere locali per il cobalto, utilizzate nelle batterie agli ioni di litio.

Apple, Google, Dell, Microsoft e Tesla sono stati nominati in una causa relativa allo sfruttamento del lavoro minorile nella Repubblica Democratica del Congo (RDC). In ogni caso, le aziende sono accusate di sapere che il cobalto che acquistano per utilizzare nelle loro tecnologie a batteria è stato originariamente estratto da bambini.

“I bambini che estraggono il cobalto degli imputati non sono semplicemente costretti a lavorare a tempo pieno, lavori di estrazione estremamente pericolosi a scapito della loro istruzione e del futuro”, afferma la causa, “vengono regolarmente mutilati e uccisi dal crollo dei tunnel e altri pericoli noti comuni all’estrazione del cobalto nella RDC. “

Apple

“Il cobalto è un componente chiave di ogni batteria ricaricabile agli ioni di litio in tutti i gadget prodotti dai Convenuti e da tutte le altre società di tecnologia e auto elettriche del mondo”, continua “, che ha portato all’ultima ondata di sfruttamento crudele alimentato da avidità, corruzione e indifferenza verso una popolazione di congolesi impotenti e affamati “.

La causa è stata presentata nel distretto americano della Columbia da Terrence Collingsworth di International Rights Advocates per conto sia di ricorrenti specifici multipli sia di altri colpiti in modo simile.

Dicendo che i querelanti si aspettano di aggiungere altre società al caso a seguito di ulteriori ricerche, la causa afferma che queste aziende hanno usato tutti un eufemismo per facilitare il lavoro minorile.

“[I lavoratori] sono ufficialmente definiti minatori” artigianali “per mascherare il fatto che ciò significa che stanno lavorando in un ampio settore informale di persone, compresi i bambini piccoli, che si recano nelle aree in cui si trova il cobalto e usano strumenti primitivi per scavare tunnel per il cobalto senza alcuna attrezzatura di sicurezza e senza alcun supporto strutturale per le gallerie “, afferma.

La causa richiede un processo da parte della giuria e, in definitiva, danni e costi per i minatori. Vuole anche che le aziende finanzino “cure mediche appropriate” e “ripuliscano gli impatti ambientali“.

Apple non ha commentato pubblicamente la causa, ma in precedenza è stata accusata di attività simili.

Nel 2016, Amnesty International ha affermato che una serie di aziende tra cui Apple, Samsung, Sony e Microsoft, stavano acquistando cobalto da produttori che l’hanno estratto usando minorenni.

All’epoca, Apple ha risposto che non era in grado di determinare l’origine del cobalto che utilizzava.

“Il lavoro minorile non è mai tollerato nella nostra catena di approvvigionamento e siamo orgogliosi di aver guidato l’industria nel pioniere di nuove garanzie”, ha poi dichiarato Apple in un comunicato alla BBC. “Attualmente stiamo valutando dozzine di materiali diversi, tra cui il cobalto, al fine di identificare i rischi lavorativi e ambientali, nonché le opportunità per Apple di realizzare cambiamenti efficaci, scalabili e sostenibili”.

 

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!