PUBBLICITÀ
iPhone

Apple quest’anno lancerà un iPhone 5G con la tecnologia sub-6GHz

Un analista finanziario afferma che Apple lancerà un iPhone 5G sub-6GHz a settembre e un modello  mmWave più veloce nel 2021.

Il mese scorso, in una nota di ricerca con TF International Securities, l’analista Ming-Chi Kuo ha dichiarato di aspettarsi che quattro iPhone di fascia alta con supporto 5G vengano lanciati nella seconda metà del 2020, inclusi modelli sub-6GHz e sub-6GHz-e-mmWave.

Kuo ha affermato che i modelli di iPhone con mmWave saranno disponibili in cinque mercati, tra cui Stati Uniti, Canada, Giappone, Corea e Regno Unito, aggiungendo che Apple potrebbe disabilitare la funzionalità al di sotto dei 6 GHz in paesi che non offrono un servizio 5G o hanno una superficiale copertura del 5G per ridurre i costi di produzione.

 iPhone 5GHz

Sulla base dei controlli all’interno della catena di approvvigionamento di Apple, tuttavia, l’analista di Susquehanna Mehdi Hosseini non è d’accordo con le dichiarazioni di Kuo. Si aspetta invece che iPhone abilitati al 5G vengano lanciati in due fasi, con i modelli sub-6GHz che verranno lanciati a settembre 2020 e i modelli mmWave a dicembre 2020 o gennaio 2021.

Il presunto ritardo nel lancio dei modelli mmWave deriva dalla decisione di Apple di utilizzare i propri moduli antenna-in-package invece di affidarsi a un fornitore di terze parti, ha affermato Hosseini, secondo StreetInsider.

mmWave è il 5G più veloce e utilizza un nuovo spettro per fornire velocità di download teoriche superiori a 1 Gbps. Sub-6GHz è più lento di mmWave, ma è ancora più veloce di 4G LTE e ha una copertura più ampia che lo rende più adatto alle aree rurali.

Hosseini si aspetta anche che uno degli iPhone 5G sia dotato di un display LCD, mentre Kuo ha affermato che tutti e quattro i modelli verranno spediti con display OLED. Sono previsti un modello da 5,4 pollici, due modelli da 6,1 pollici e un modello da 6,7 ​​pollici.

 

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button