Apple

PCMag testa la precisione del colore e la luminosità del Pro Display XDR

Scopriamo insieme come si è comportato il Pro Display XDR di Apple nei test effettuati da PCMag

Il Pro Display XDR di Apple, al prezzo di € 5559 senza supporto, è progettato per i professionisti che necessitano di un monitor di riferimento. Può sembrare costoso, ma rispetto ad altri monitor di riferimento, è una scelta conveniente.

PUBBLICITÀ

PCMag questa settimana ha pubblicato la sua recensione completa del Pro Display XDR, facendo un tuffo nella precisione del colore e nelle capacità HDR.

Pro Display XDR è pensato per essere utilizzato da professionisti creativi come fotografi e videografi, il che significa che fattori come l’accuratezza del colore, la copertura della gamma e la luminosità prolungata sono importanti.

Pro Display XDR

Nei test della gamma di colori Adobe RGB, rilevanti per le attività di creazione di contenuti, Pro Display XDR ha ottenuto ciò che PCMag afferma sia un risultato “eccellente” della copertura del 96,7%. Comparativamente, il Pro Display XDR ha battuto l’Acer Predator X35, l’ASUS Rog Strix XG438Q, il Dell U3219Q 4K e il Razer Raptor 27, che sono altri display testati da PCMag, ma non è un risultato sorprendente poiché questi display di confronto sono più monitor orientati al gioco a prezzi accessibili.

Adobe RGB

Il display non è andato altrettanto bene nei test di gamma sRGB, in cui i monitor normalmente si avvicinano al 100% di copertura, ma ha comunque raggiunto una copertura rispettabile del 94,3%. sRGB non è al centro della community di professionisti, il che rende questo risultato abbastanza insignificante.

In un test della gamma cromatica DCI-P3, che evidenzia quanto un monitor sia in grado di visualizzare i contenuti di film e TV nelle app di editing, Pro Display XDR ha visto una copertura del 98,7%, battendo tutti gli altri monitor incluso l’Alienware 55, che ha registrato il secondo punteggio più alto nei test di PCMag al 96,5%.

Quando si tratta di test di luminosità, con un test DisplayHDR 1600, l’XDR è stato in grado di visualizzare il contenuto a un picco di 1.561 nits, appena sotto la valutazione di 1.600 nit di Apple. La luminosità di SDR ha raggiunto 499 nits e i livelli di nero erano super bassi, a 0,04. PCMag afferma che è il più basso che abbia visto al di fuori dei display OLED.

luminosità pro display XDR

PUBBLICITÀ

Anche nei test di precisione del colore, Pro Display XDR si è distinto. La precisione del colore viene misurata utilizzando il delta E (dE) e un numero inferiore è migliore, rappresentando una rappresentazione accurata del colore che mira a produrre. I monitor sotto 1.0 sono monitor di “livello superiore”, ma il Pro Display XDR ha ottenuto un punteggio inferiore.

Nel settore della creazione di contenuti, qualsiasi monitor con un punteggio inferiore a 1,0 dE è considerato di livello superiore, ma Pro Display XDR non si accontenta di vincere qui, ma deve essere al comando. In questi test, dove ho esaminato tutte e tre le preimpostazioni dello spazio colore che abbiamo testato sopra (sRGB, Adobe RGB e DCI-P3), il punteggio più basso ottenuto è stato di soli 0,68 dE – e ciò, ottenuto senza calibrazione richiesta.

Ci sono anche alcuni aspetti negativi del Pro Display XDR. Non esiste alcuna opzione per modificare le funzionalità di colore sul monitor stesso e l’utilizzo di esso richiede macOS, quindi non c’è modo di usarlo senza un Mac. Inoltre, non è possibile calibrare i colori, ma Apple afferma che le opzioni di calibrazione arriveranno in futuro.

In poche parole, PCMag ritiene che Pro Display XDR faccia con successo ciò che doveva fare, offrendo “capacità di produzione di qualità di riferimento” a coloro che lavorano su Mac. “Pro Display XDR è un monitor di creazione di contenuti ben fatto, ben progettato e estremamente accurato che funziona “.

Per coloro che stanno valutando l’acquisto di Pro Display XDR, vale la pena dare un’occhiata alla recensione completa di PCMag.

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button