Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

iCloud potrebbe essere il nome dei nuovi servizi cloud-based di Apple?
Rumors

iCloud potrebbe essere il nome dei nuovi servizi cloud-based di Apple? 

Secondo un rumor di alcuni minuti fà, Apple avrebbe già acquistato il dominio iCloud per una cifra di circa 4 milioni e mezzo di dollari. Nulla di officiale, ma se fosse vero significherebbe che manca davvero poco all’introduzione del tanto atteso servizio cloud-based di Apple.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

A quanto pare, i nuovi servizi che ormai Apple ha in progetto da oltre un anno, potrebbero essere lanciati con il nome di iCloud. Per il momento non si ha alcuna notizia ufficiale, ma è tutto basato su un rumor di una fonte vicina a Xcerion, la società svedese proprietaria del dominio che avrebbe ceduto il nome ad Apple per la cifra di 4 milioni e mezzo di dollari.

In effetti, anche se nel registro dei domini iCloud risulta ancora di proprietà dell’azienda svedese, andando con il browser all’indirizzo www.icloud.com si viene automaticamente reindirizzati alla pagina cloudme.com: Xcerion ha quindi modificato il nome del proprio servizio, il che potrebbe confermare l’acquisto da parte di Apple.

Ricordiamo che il nuovo servizio cloud-based di Apple potrebbe essere fornirlo gratuitamente all’inizio (ovvero incluso all’interno della sottoscrizione dei 79€ all’anno) per poi avere un costo di ulteriori 20 $ mensili. La soluzione di Apple dovrebbe permettere lo streaming illimitato dei brani presenti sul server di iTunes, senza che questi vengano effettivamente salvati sui nostri iPhone. Un’opzione aggiuntiva, al costo di 20$ al mese invece, potrebbe consentirci di avere un nostro spazio web personale, nel quale salvare un numero limitaato di brani per l’ascolto offline.

Apple, grazie all’accordo con Warner di cui avevamo già parlato, starebbe facendo pressione alle altre etichette discografiche, nella speranza di raggiungere un patto analogo, offrendo così ai propri utenti un maggiore varietà di brani. La novità più grossa in tutto questo è che tutti gli accordi dovrebbero concludersi nel mese di Aprile per cui il rilascio è veramente immenente.

via | iClarified

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.