PUBBLICITÀ
AppleCuriosità

La CNBC svela come è nata la partnership tra Apple e Google per il tracciamento dei contatti

Scopriamo come Apple e Google si sono uniti per creare la loro soluzione di tracciamento COVID-19.

Un nuovo rapporto della CNBC offre un approfondimento su come è nata la partnership di tracciamento dei contatti tra Apple e Google. Forse la cosa più interessante è che il rapporto descrive in dettaglio la velocità con cui Apple ha sviluppato la tecnologia.

Secondo la CNBC, Edouard Bugnion, CTO fondatore di VMWare, ha contattato per la prima volta il team Apple per le relazioni con gli sviluppatori per discutere del tracciamento dei contatti e sulla necessità di una soluzione che bilanciasse privacy e usabilità. Queste preoccupazioni hanno rapidamente raggiunto Myoung Cha, responsabile del lato commerciale del team sanitario di Apple, che ha riferito il tutto a Jeff Williams, COO della compagnia.

Cha, stava già lavorando con un piccolo team su come gli smartphone potevano essere utilizzati per la tracciabilità dei contatti, un progetto con il nome in codice “Bubble“. Altri membri del team iniziale includevano Ron Huang, capo dei servizi di localizzazione di Apple, e il dottor Guy “Bud Tribble”, vicepresidente per la privacy di Apple.

Il team si è poi unito ad un “gruppo di ingegneri disposti a offrire volontariamente il loro tempo al progetto“, tra cui esperti di crittografia, Yannick Sierra e Frederic Jacobs. Il team ha da subito optato per un approccio decentralizzato:

Anche i dipendenti Apple hanno preferito approcci decentralizzati. L’idea era che un telefono appartenente a un utente che era risultato positivo avrebbe inviato avvisi anonimi direttamente ad altri telefoni che si trovava nelle vicinanze, invece di caricare tutte queste informazioni presso un governo o un’altra autorità centrale. Ciò impedirebbe ai governi di costruire un database con informazioni dettagliate sulla posizione o sulla prossimità.

Il team Apple ha anche creduto che qualsiasi sistema avrebbe dovuto essere “opt-in”, in cui l’individuo dà il consenso per condividere informazioni con altri telefoni.

Nel frattempo, i dipendenti di Google stavano pensando internamente a un progetto simile. Un team iniziale tra cui Yul Kwon e il product manager senior Ronald Ho ha lavorato al progetto, nome in codice “Apollo“. Il team ha quindi presentato il progetto al vicepresidente Android di Google, Dave Burke, che alla fine ha parlato con Cha di Apple della tecnologia.

tracciamento contatti

La collaborazione è culminata in un incontro virtuale tra il CEO di Apple Tim Cook e il CEO di Alphabet Sundar Pichai:

“Le due società non sono state in grado di annunciare ufficialmente di lavorare insieme fino a quando non hanno ottenuto il via libera dai loro amministratori delegati. Così il CEO di Apple, Tim Cook e il CEO di Alphabet, Sundar Pichai, lo hanno lanciato in una riunione virtuale diversi giorni prima dell’annuncio ufficiale del 10 Aprile.”

CNBC sottolinea inoltre che Google e Apple stanno puntando a una data di rilascio del 1 maggio per la prima versione di questa API di notifica dell’esposizione.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button