AppleNotizie

La Francia è pronta a tassare Apple e altre società tecnologiche

Il governo francese sta andando avanti con il suo sforzo fiscale digitale su Apple e altre società multinazionali tecnologiche e non sta più aspettando un accordo internazionale.

Nonostante la pressione del Coronavirus, la Francia sta portando avanti il ​​suo piano di vecchia data per tassare Apple, Google, Facebook e altri.

PUBBLICITÀ

La Francia è stata la prima nazione europea a decidere di imporre una tassa sulle entrate locali di Google, Apple, Facebook e Amazon – dopo che il presidente Macron ha accusato i giganti della tecnologia di avere “status di paradiso fiscale permanente“.

Macron ha fatto l’accusa lo scorso agosto, per difendere la decisione del paese di imporre una tassa alle quattro società tecnologiche.

Il riferimento allo “status di paradiso fiscale” si riferisce alle pratiche utilizzate da Apple e altri per incanalare i profitti sulle vendite europee attraverso l’Irlanda e quindi per richiedere ampie detrazioni per i costi di ricerca e sviluppo sostenuti negli Stati Uniti. Ci sono state anche accuse che Apple assegni la maggior parte dei suoi profitti europei a una consociata che esiste solo sulla carta e che non paga tasse da nessuna parte.

Altri paesi europei avevano discusso di un approccio simile, portando a invocare un’unica politica in tutta l’Unione europea. Ciò si è poi evoluto in un’iniziativa globale molto più ampia, coordinata dai 137 membri dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE).

Parigi si è offerta a gennaio di sospendere la sua imposta digitale sul reddito delle società tecnologiche in Francia fino alla fine dell’anno, mentre veniva negoziato un accordo internazionale.

Tuttavia, la ricaduta dell’epidemia di coronavirus ha lasciato i ministri delle finanze maggiormente concentrati sul salvataggio delle loro economie, mettendo potenzialmente a rischio la scadenza di fine anno.

“Una tassa digitale non è mai stata più legittima e più necessaria”, ha detto a Reuters il ministro delle finanze Bruno Le Maire. “In ogni caso, la Francia la applicherà in quanto ha sempre spinto per una tassa sui giganti digitali nel 2020 o in una forma internazionale se c’è un accordo o in una forma nazionale”.

PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button