Notizie

Apple Maps: Apple raggiunge un accordo per la violazione di un brevetto

Apple e LBS Innovations raggiungono un accordo per la violazione di un brevetto relativo ad Apple Maps

Apple, ha stabilito un accordo di transazione e di licenza in un caso di violazione di brevetto relativo all’uso della tecnologia di navigazione in Apple Maps.

La denuncia, originariamente presentata presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto orientale del Texas nell’Aprile 2019, ha accusato Apple Maps di violare la proprietà intellettuale di proprietà di una società di brevetti chiamata LBS Innovations.

La società di brevetti ha affermato che Apple Maps e i dispositivi che includono l’app, hanno violato il brevetto USA n. 6.091.956 “Sistema di informazioni sulla situazione“, presentato per la prima volta nel 1997. Il brevetto descrive in dettaglio un “sistema wireless per fornire servizi e tempo – informazioni critiche su luoghi ed eventi sui computer portatili e sui loro utenti in prossimità delle loro posizioni attuali con riferimenti ad i tempi di viaggio e di transito, le condizioni del traffico, le attrazioni vicine e la posizione attuale degli utenti.” Nella denuncia, LBS Innovations sottolineava che Apple era a conoscenza dell’esistenza del brevetto almeno dal 2009.

Secondo i documenti del tribunale, Apple e LBS Innovations hanno raggiunto un accordo transattivo e un accordo di licenza il 6 Luglio. Da quella data, entrambe le società hanno presentato una mozione per respingere la denuncia e i relativi ricorsi.

LBS Innovations è una società di licenze di brevetti di proprietà di due avvocati specializzati in brevetti di New York. Dal 2011 ha fatto causa a più di 60 società nel distretto orientale del Texas.

Al momento non sono noti i termini esatti dell’accordo di transazione e di licenza tra le due società.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button