Notizie

Spotify da record: la piattaforma ha ora 138 milioni di abbonati Premium

potify ha pubblicato oggi i suoi ultimi risultati finanziari, confermando che attualmente ha quasi 300 milioni di utenti attivi mensili e 138 milioni di abbonati Premium.

Il gigante dello streaming musicale Spotify, ha battuto le previsioni degli investitori ed è riuscito a fare meglio del previsto durante la pandemia di COVID-19.

PUBBLICITÀ

La piattaforma di streaming, ha registrato una crescita sostanziale della base utenti totale, del numero di abbonati e delle ore di ascolto (tornando ai livelli pre-COVID-19) ma i costi operativi sono aumentati del 48% e le entrate pubblicitarie sono diminuite del 21% nel secondo trimestre 2020.

Spotify ha attualmente 299 milioni di utenti attivi mensili, in aumento del 29% rispetto allo stesso trimestre dell’anno scorso. Il gigante dello streaming è anche riuscito ad aggiungere 30 milioni di nuovi abbonati, portando la base di utenti Premium a 138 milioni. Si tratta di un aumento del 27% rispetto al secondo trimestre del 2019, quando la piattaforma aveva quasi 108 milioni di abbonati.

“La nostra attività ha registrato buoni risultati nel secondo trimestre e continua a operare ad alto livello nonostante la continua incertezza sulla pandemia di COVID-19”, ha affermato Spotify in una nota ufficiale agli investitori. Escludendo l’impatto degli oneri sociali legati all’aumento del nostro prezzo delle azioni durante il secondo trimestre, tutte le nostre metriche chiave sarebbero finite o in anticipo rispetto alle nostre aspettative. La nostra posizione di liquidità e il flusso di cassa libero rimangono solidi e siamo incoraggiati con le tendenze sottostanti del business.

Riflettendo sulla pandemia, Spotify afferma che l’attività di ascolto è tornata ai livelli pre-COVID ovunque tranne che in America Latina, dove l’ascolto è diminuito di circa il 6%.

Nonostante i dati in crescita, le entrate pubblicitarie di Spotify sono diminuite del 21%, poiché COVID-19 continua a influenzare il settore. Come osserva CNBC, la società ha registrato una perdita netta di circa 356 milioni di euro, peggio di quanto temessero gli analisti.

 Questa perdita più ampia era “dovuta principalmente agli oneri sociali“, tasse pagate in Svezia. Spotify afferma che le spese “superiori alle attese” si riferiscono a forti aumenti del prezzo delle azioni della società e alle tasse pagate in Svezia. La società è tenuta a versare al governo svedese il 31,42% dei profitti.

PUBBLICITÀ
Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button