Notizie

Anche Facebook critica le commissioni dell’App Store

Facebook, si unisce al gruppo sempre piaciuto grande di sviluppatori ed aziende che criticano la commissione del 30% dell'App Store sugli acquisti in-app, affermando che danneggia le piccole imprese durante la pandemia globale.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Facebook ha criticato Apple su come gestisce il suo App Store per quanto riguarda un nuovo servizio di streaming di eventi sulla piattaforma del social. La società di Mark Zuckerberg, afferma che la commissione del 30% dell’App Store sta danneggiando le piccole imprese durante la pandemia.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


La critica da parte di Facebook arriva in seguito al lancio di un nuovo servizio che ospita eventi a pagamento in streaming dal vivo come lezioni di fitness o seminari (tramite Bloomberg). La società, afferma di aver chiesto ad Apple di ridurre le commissioni sull’App Store per il nuovo servizio in modo da aiutare le piccole imprese ed i creatori, ma il colosso di Cupertino ha rifiutato.

Mentre Google ha accettato di rinunciare alle tariffe per i dispositivi Android, Apple ha deciso di mantenere la sua normale commissione del 30% per l’App Store, mettendola in una situazione difficile tra le crescenti tensioni antitrust.

Facebook vuole che Apple rinunci alla sua commissione del 30% prelevata dagli acquisti in-app o lasci che il social network elabori i pagamenti degli eventi con Facebook Pay, ma Apple ha rifiutato entrambe le opzioni.

Abbiamo chiesto ad Apple di ridurre la tassa del 30% del’App Store o di consentirci di offrire Facebook Pay in modo da poter assorbire tutti i costi per le aziende in difficoltà durante il COVID-19. Sfortunatamente, hanno respinto entrambe le nostre richieste e le PMI riceveranno solo il 70% delle loro entrate sudate. Poiché questo è complicato, fintanto che Facebook rinuncerà alle sue commissioni, renderemo chiare tutte le commissioni nei nostri prodotti.

Quando un imprenditore pianifica un evento tramite il social network su iOS, il social chiarirà che Apple sta prendendo una commissione del 30% del prezzo di acquisto. Facebook sta rinunciando alle proprie tariffe per la funzione “per almeno un anno“.

Le transazioni effettuate sul Web o su Android in cui è disponibile Facebook Pay consentiranno agli imprenditori di trattenere il 100% delle entrate generate da eventi online a pagamento. La funzione, ha lo scopo di consentire ai proprietari di pagine Facebook di creare un evento online, impostare un prezzo, promuovere l’evento, riscuotere il pagamento e ospitare l’evento sul social.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Senza chiamare direttamente Apple, l’annuncio di Facebook per la nuova funzionalità afferma che le aziende “non dovrebbero doversi preoccupare delle commissioni addebitate dalle piattaforme” e sottolinea che le commissioni di Apple faranno sì che alle aziende venga pagato solo “il 70 percento del loro duro lavoro“.

Cosa ne pensate?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.