Notizie

Epic Games ha citato in giudizio Google per la rimozione di Fortnite dal Play Store

Fortnite è stato rimosso anche dal Play Store ed Epic Games ha prontamente denunciato Google.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Epic Games ha intentato una causa contro Google per presunte violazioni dell’antitrust, poche ore dopo che Fortnite è stato rimosso dal Google Play Store. Il reclamo di Epic afferma che le restrizioni di pagamento di Google sullo store costituiscono un monopolio e quindi una violazione sia dello Sherman Act che del Cartwright Act della California.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


Laddove il reclamo di Apple si apriva con una parodia dell’iconica pubblicità dell’azienda del 1984, la denuncia di Epic contro Google si concentra sull’ormai famigerato slogan “Don’t Be Evil” dell’azienda.

“Ventidue anni dopo, Google ha relegato il suo motto quasi in secondo piano”, afferma il reclamo, “e sta usando le sue dimensioni per fare del male a concorrenti, innovatori, clienti e utenti in una sfilza di mercati che è riuscito a monopolizzare“.

Le due accuse principali sono identiche alla causa di Epic contro Apple:

  • Il controllo del monopolio sulla distribuzione del software ai telefoni;
  • Il controllo del monopolio sui sistemi di pagamento all’interno di quel software.

Nel caso di Google, Epic è specificamente preoccupata per il potente ruolo del Play Store come distributore di app Android e per il requisito che le app ospitate utilizzino il sistema di fatturazione dello store per qualsiasi acquisto in-app.

Al contrario di Apple però, Google controlla il software Android in modo meno rigoroso. Android consente da tempo l’installazione di app store di terze parti, inclusa l’app Epic Games. Le app possono anche essere trasferite localmente tramite collegamenti diretti, senza il coinvolgimento di un app store.

Adesso, Epic accusa Google di aver reso il Play Store l’unico metodo di distribuzione praticabile per le app Android. 

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


“Nonostante le sue promesse di rendere i dispositivi Android aperti alla concorrenza, Google ha eretto barriere contrattuali e tecnologiche che precludono modalità concorrenti di distribuzione di app agli utenti Android “.

Google ha risposto che Fortnite era stato rimosso dal Play Store per aver violato regole chiare e prestabilite

“Per gli sviluppatori di giochi che scelgono di utilizzare il Play Store, abbiamo politiche coerenti che sono giuste per gli sviluppatori e mantengono il negozio sicuro per gli utenti”, ha detto un rappresentante. 

“Sebbene Fortnite rimanga disponibile su Android, non possiamo più renderlo disponibile sullo store perché viola le nostre norme. Tuttavia, accogliamo con favore l’opportunità di continuare le nostre discussioni con Epic e riportare Fortnite su Google Play “.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.