iPhone 12Notizie

Apple condivide nuovi dettagli sul chip A14 Bionic che troveremo su iPhone 12

il vicepresidente dell'architettura della piattaforma Apple, Tim Millet, ha condiviso nuovi ed interessanti dettagli sul nuovo chip A14 Bionic e non solo.

Il mese scorso, Apple ha presentato il nuovo iPad Air 4 dotato del chip A14 Bionic. I benchmark del nuovo che hanno rivelato che rispetto all’A13 Bionic dell’iPhone 11, il chip A14 è circa il 20% più veloce in single-core e il 28% più veloce in multi-core.

In una nuova intervista con il notiziario tedesco Stern, il vicepresidente dell’architettura della piattaforma Apple, Tim Millet, ha condiviso ulteriori dettagli sull’A14 e altro ancora.

Nell’intervista, Millet ha spiegato che parte del potenziale dell’A14 è dovuto alle crescenti capacità di apprendimento automatico, che “abilita una classe completamente nuova” di applicazioni.

Apple non ha inventato le reti neurali, “le basi per esse sono state gettate molti decenni fa”, afferma Millet. Ma allora c’erano due problemi: non c’erano dati e non c’era potenza di calcolo sufficiente per sviluppare modelli complessi in grado di elaborare questa quantità di dati. Nel 2012 c’è stata finalmente una svolta che ha notevolmente accelerato i tempi di formazione dei modelli. Solo allora tecnologie come lo sblocco facciale sono diventate concepibili in uno smartphone”, ha dichiarato Millet.

Il vicepresidente ha anche sottolineato che parte del vantaggio di Apple è che i suoi team hardware e software possono lavorare a stretto contatto per massimizzare le prestazioni dai miglioramenti del processore. Questo si estende anche agli sviluppatori di terze parti:

“Lavoriamo a stretto contatto con il nostro team software durante tutto il processo di sviluppo per assicurarci di non costruire solo un pezzo di tecnologia utile per pochi. Volevamo assicurarci che migliaia e migliaia di sviluppatori iOS potessero fare qualcosa con esso.

Core ML è una fantastica opportunità per le persone che vogliono capire e scoprire quali possibilità hanno. Abbiamo investito molto tempo per assicurarci di non inserire solo transistor nel chip che poi non vengono utilizzati. Vogliamo che tutti possano sfruttare al meglio la sua potenza.”

Infine, Millet ha offerto alcuni dettagli interessanti su come l’uso di mascherine durante la pandemia COVID-19 ha influenzato l’utilizzo di Face ID. Il vicepresidente ha spiegato che sebbene ci sono modi in cui Apple potrebbe teoricamente adattare il Face ID per lavorare con le mascherine, così facendo comprometterebbe la sicurezza:

“È difficile vedere qualcosa che non puoi vedere. I modelli di riconoscimento facciale sono davvero buoni, ma è un problema complicato. Gli utenti vogliono comodità, ma vogliono anche essere al sicuro. E in Apple si tratta di assicurarsi che i dati rimangano al sicuro “.

“Possiamo pensare a tecniche che non coinvolgono la parte del viso coperta dalla protezione bocca-naso”, spiega Millet. “Ma poi perdi alcune delle caratteristiche che rendono il tuo viso unico, il che a sua volta rende più facile immaginare che qualcuno possa sbloccare il telefono.”

Il chip A14 alimenterà anche i modelli di iPhone 12.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!