Notizie

Ecco perché Google è ancora il motore di ricerca predefinito su iPhone

Il vicepresidente per la privacy di Apple ha rivelato il motivo per cui Google è ancora il motore di ricerca predefinito su iOS.

Oltre al CEO di Apple Tim Cook, anche Jane Horvath, senior director della società per la privacy globale, ha partecipato alla conferenza CPDP sulla protezione dei dati dell’UE. A Horvath sono state poste domande specifiche sull’uso di Google da parte di Apple come motore di ricerca predefinito su iPhone e altro ancora.

Horvath ha spiegato durante la discussione che “siamo veramente a un punto di svolta” per quanto riguarda la privacy degli utenti. Si è chiesta se gli utenti debbano “continuare a scendere a compromessi sulla privacy, fornendo dati personali illimitati per poter usufruire di servizi gratuiti”. Apple vede questo come una “falsa dicotomia”, ha aggiunto Horvath.

La dirigente ha continuato spiegando di più sull’imminente funzionalità di tracciamento delle app di Apple, affermando che l’unico scopo è quello di permettere agli utenti di scegliere se vogliono essere tracciati o meno:

Tutto ciò che stiamo facendo con il nostro framework App Tracking Transparency, o ATT, è dare agli utenti la possibilità di scegliere; chiedendo alle persone se vogliono essere rintracciate o meno.

Pensala in questo modo: non è strano che alcune persone non vogliano che gli utenti abbiano la possibilità di scegliere se essere tracciati o meno con un linguaggio chiaro e preciso? Questo è molto importante. Gli sviluppatori non dovrebbero tentare di ignorare le intenzioni di un utente, se quest’ultimo ha chiesto di non essere tracciato.

Il vicepresidente per la privacy di Apple ha anche spiegato che l’ATT, che entrerà in vigore questa primavera, si applicherà allo stesso modo a tutti gli sviluppatori, inclusa Apple. La differenza è che Apple non utilizza l’IDFA e utilizza invece la sua rete pubblicitaria di prima parte incentrata sulla privacy.

Infine, a Horvath è stato chiesto perché Apple non rende DuckDuckGo il motore di ricerca predefinito su iOS, piuttosto che su Google. Ha spiegato che sebbene Google è l’impostazione predefinita, gli utenti possono passare a DuckDuckGo o ad altre soluzioni:

“In questo momento, Google è il motore di ricerca più popolare. Supportiamo Google, ma abbiamo anche il supporto integrato per DuckDuckGo e di recente abbiamo anche implementato il supporto per Ecosia “

Tuttavia, è interessante notare che Google paga miliardi di dollari ad Apple per rimanere il motore di ricerca predefinito in Safari su iOS. Ciò rappresenta una parte significativa dell’attività dei servizi di Apple.

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!