Notizie

Tim Cook critica il modello di business di Facebook basato “sullo sfruttamento di dati”

Durante una conferenza, Il CEO di Apple, Tim Cook, ha parlato di privacy e protezione dei dati, condannando il modello di business di aziende come Facebook e sottolineando l'impegno di Apple nel promuovere la privacy degli utenti.

Oggi, Tim Cook ha partecipato alla conferenza CPDP sulla protezioni dei dati dell’Unione Europea e ha aperto la sessione ospitata da Apple intitolata “Un percorso per responsabilizzare la scelta e aumentare la fiducia degli utenti nella pubblicità”.

Durante il suo intervento, il CEO ha criticato aziende e piattaforme di social media basate sullo sfruttamento dei dati e sulla disinformazione. Sebbene non abbia nominato nessuno in particolare, le sue dichiarazioni riportano al modello di business di Facebook:

“In un momento di disinformazione dilagante e teorie del complotto alimentate da algoritmi, non possiamo più chiudere un occhio davanti a una teoria della tecnologia che dice che tutto il coinvolgimento è buono -soprattutto se dura a lungo – e il tutto con l’obiettivo di raccogliere quanti più dati possibile. È arrivato il momento di smettere di fingere che questo approccio non abbia un costo.”

Cook ha anche definito alcune piattaforme social come “venditori ambulanti di divisione e trafficanti di dati personali” che possono portare alla violenza.

Accennando alle modifiche alla pubblicità e al monitoraggio in iOS, Cook ha affermato che “la tecnologia non ha bisogno di grandi quantità di dati personali riuniti in dozzine di siti Web e app per avere successo. In passato, la pubblicità esisteva e prosperava senza di essa”.

Infine, Cook ha dichiarato ciò che Apple vede come tecnologia etica:

In Apple, abbiamo fatto la nostra scelta molto tempo fa. Crediamo che la tecnologia etica sia la tecnologia che funziona per te. È la tecnologia che ti aiuta a dormire, non ti tiene sveglio. Ti dice quando ne hai abbastanza, ti dà spazio per creare, o disegnare, o scrivere o imparare, non aggiornare solo un’altra volta. È una tecnologia che può passare in secondo piano durante un’escursione o una nuotata, ma è lì per avvisarti quando il tuo battito cardiaco aumenta o per aiutarti in caso di brutta caduta. E nonostante tutto questo, la privacy e la sicurezza sono sempre al primo posto, perché nessuno deve violare i diritti dei propri utenti per fornire un ottimo prodotto.

Cosa ne pensate?

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button