Apple

Apple avrebbe dovuto copiare il nuovo Magic Mouse da Lenovo

Lenovo ha presentato un nuovo Mouse molto innovativo, al passo coi tempi e le esigenze del momento: Apple avrebbe potuto fare lo stesso con il redesign degli iMac e la nuova gamma di accessori desktop

Quando Apple ha presentato il nuovo iMac M1 con design rinnovato, siamo rimasti davvero delusi nello scoprire che il Magic Mouse fosse ancora lo stesso, completamente privo di alcun cambiamento, a parte i colori.

Il design di questo mouse è sicuramente molto bello ma ha un handicap non indifferente: la porta di ricarica Lightning posta nella parte inferiore che ne rende impossibile l’utilizzo durante la ricarica.

Lenovo ha presentato il Lenovo Go Wireless Multi-Device Mouse ed è un prodotto dal quale Apple avrebbe dovuto trarre spunto.

Questo mouse, oltre a ricaricarsi con un cavo USB-C, supporta anche la ricarica Wireless, quindi utilizzato con una basetta come quella Nomad (che in futuro sarà disponibile su larga scala e da parte di tanti produttori), permette agli utenti di essere utilizzato mentre si carica.

In aggiunta (e questa è la parte più bella), può essere accoppiato con un massimo di 3 dispositivi contemporaneamente, passando dall’uno all’altro con un solo tasto. Per Apple, che vanta di un ecosistema e di sistemi operativi così ben integrati tra loro, sarebbe stato un valore aggiunto non indifferente. In maniera analoga a quanto fanno le AirPods, che riescono a collegarsi automaticamente al dispositivo Apple in uso, il Mouse avrebbe dovuto permettere agli utenti di muovere il cursore sull’iMac quando il dispositivo in uso è l’iMac ma di passare automaticamente alla gestione dello schermo dell’iPad quando quest’ultimo viene attivato oppure di un MacBook.

Dopo tutti questi anni ci si poteva aspettare un po’ di innovazione anche nel Mouse, invece dovremo accontentarci ancora di questo:

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button