PUBBLICITÀ
Notizie

La storia del doppiogiochista che ha collaborato con Apple

Sperava di ottenere un compenso economico da Apple ma così non è stato. Ecco perché la "spia" ha raccontato la sua storia alla stampa.

La notizia sull’universo Apple che nelle ultime ore sta facendo il giro del web non riguarda indiscrezioni su attesi dispositivi come iPhone 13 e MacBook Pro mini-LED. Per più di un anno, riporta Motherboard, un membro della community di jailbreaking ha svolto il ruolo di “agente segreto” per Apple, riportando all’azienda informazioni su altri leaker. Ma non è tutto.

Nel rapporto si legge che Andrey Shumeyko, noto sul web come YRH04E, pubblicava online riservate informazioni interne di Apple. Tuttavia, all’insaputa degli altri membri della popolata community, lo stesso Shumeyko forniva al team di sicurezza del gigante di Cupertino notizie utili per chiudere il rubinetto dei leak e limitare l’attività delle persone responsabili di quest’ultimi.

A maggio del 2020, ad esempio, trapelò in rete una versione pre-release di iOS 14. Ebbene, secondo Motherboard, Shumeyko aiutò Apple ad individuare la persona che orchestrò il tutto, il quale utilizzò un iPhone 11 rubato. Il prototipo eseguiva una build iniziale di iOS 14, destinata unicamente all’uso interno tra i dipendenti dell’azienda tech prima dell’annuncio ufficiale previsto per la WWDC 2020 di giugno.

Shumeyko ha dichiarato di aver sperato in un compenso da parte di Apple per la sua cooperazione. La società guidata da Tim Cook sarebbe stata però evasiva a riguardo ed è per questo che ora YRH40E sta rivelando la verità agli organi di stampa. E a Shumeyko, per sua stessa ammissione, non importa di cosa penserà la gente del suo ruolo da doppiogiochista.

Voi cosa ne pensate?

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button