PUBBLICITÀ
Notizie

Instagram richiederà agli utenti di fornire la propria data di nascita

"Siamo stati chiari sul fatto che vogliamo fare di più per creare esperienze più sicure e private per gli utenti più giovani. Per farlo abbiamo bisogno di sapere quanti anni hanno gli utenti di Instagram".

Instagram ha dichiarato che richiederà a tutti gli utenti della piattaforma di condividere la propria data di nascita per “creare esperienze più sicure e private per i giovani”.

Agli utenti del social che non hanno ancora fornito la suddetta informazione verrà richiesto di condividerla. Instagram prevede di chiedere la data di nascita quando l’app viene aperta e invierà diverse notifiche agli utenti che non hanno ancora inserito la propria data di nascita sulla piattaforma entro un determinato periodo di tempo.

Gli utenti dovranno condividere queste informazioni per continuare a utilizzare l’app Instagram. La società prevede inoltre di includere schermate di avviso su determinati post e chiederà la data di nascita prima di consentire la visualizzazione del contenuto. Questa è la stessa interfaccia già presente per i post sensibili.

Le informazioni sull’età verranno utilizzate per creare nuove funzionalità di sicurezza e contribuiranno a garantire che le “esperienze giuste” siano fornite alla “fascia di età giusta”. A marzo, Instagram ha introdotto modifiche per impedire agli adulti di inviare messaggi agli utenti di età inferiore ai 18 anni e il mese scorso ha iniziato a rendere privati ​​i nuovi account per gli utenti di età pari o inferiore a 16 anni.

La piattaforma sta sviluppando “nuovi sistemi” per rivolgersi alle persone che inseriscono la data di nascita errata, utilizzando l’intelligenza artificiale per stimare quanti anni hanno. In futuro, se qualcuno selezionerà un’età e la tecnologia di Instagram rivelerà che è errata, l’app offrirà un menu di opzioni per la verifica dell’età.

Cosa ne pensate?

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Cosa significa?

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button