Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Nuovo sistema di voto in Florida: alle primarie si potrà dare la preferenza anche da iPad | Riflessioni Personali
Notizie

Nuovo sistema di voto in Florida: alle primarie si potrà dare la preferenza anche da iPad | Riflessioni Personali 

Alcuni elettori, alle elezioni primarie repubblicane della Florida, sceglieranno l’uomo che vorranno alla Casa Bianca tramite un tap sull’iPad. Lori Steele, Presidente e CEO di Everyone Count (la società che sta dietro al sistema di voto su iPad), era a denti stretti riguardo i dettagli su come verranno barrate le caselle delle elezioni sul tablet.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

 

La Steele si è comunque affrettata a dire che un simile programma di voto in Oregon ha portato un aumento dei votati del 1.500%. Una cosa è certa: con l’iPad i voti non andranno persi.

Cult of Mac ha fatto alcune domande alla Steele riguardo i costi, la sicurezza ed il software che c’è dietro tutto questo. Qui di seguito vi riproponiamo l’intervista:

CoM: può dirci qualcosa riguardo il funzionamento di questo nuovo metodo di voto?

Lori Steele: La nostra piattaforma elettorale…è una soluzione completa che ci permette di gestire tutto online, compresi voto e scrutinio. Chiunque può votare in piena sicurezza tramite un computer fisso, portatile, tablet, smartphone o anche un normale telefono.

CoM: Quanto costa tutto questo al Governo locale?

LS: I costi delle elezioni sono dimezzati. Infatti non ci sarà più bisogno di spostare i vecchi macchinari tra le varie giurisdizioni perché tutto si può fare da dispositivi più recenti e di costo inferiore quali PC e tablet. Inoltre questi dispositivi sono disponibili in commercio e possono essere usati quotidianamente anche per altri scopi.

CoM: Quant’è sicuro rispetto ai sistemi di voto elettronici già esistenti?

LS: Per essere brevi, ci sono decine di livelli di sicurezza nella nostra tecnologia già utilizzata nei processi, nella tecnologia di crittografia militare e nelle procedure di sorveglianza intensiva. Nelle centinaia di elezioni che abbiamo già avuto non c’è mai stata una sola violazione di sicurezza, e mai un voto è andato perso o contestato.

CoM: Maggiori dettagli, per favore.

LS: Questa nostra soluzione elettorale è protetta da un sistema impenetrabile (hardware, reti e software) che protegge tutti i dati (informazioni di registrazione dell’elettore, urne e risultati) da interferenze intenzionali e non. Abbiamo aderito al NIST (Istituto Nazionale della Gestione delle Tecnologie) per le linee guida riguardo la crittografia dei dati, la sicurezza del server fisico e la manomissione-rilevamento del monitoraggio. Decine e decine di livelli di protezione che ci permettono di identificare attività sospette ed anticipare eventuali minacce. Ripeto: mai un solo voto è andato perso.

RIFLESSIONI:  Sebbene io ami molto la tecnologia ed il suo modo di migliorare e semplificare la vita di tutti i giorni, sono ancora abbastanza scettico riguardo il suo uso in questo campo. Credo proprio che farei fatica a votare tramite il mio iPad se mai un giorno ne avremo la possibilità anche qui in Italia.

Che sia un metodo controllato e “sicuro” c’è solo da fidarsi, ed è pur vero che in questo caso si tratta “solo” di elezioni primarie. Ma se questa tecnologia verrà abilitata anche per elezioni più importanti dove il voto è segreto, in quel caso davvero preferirei ancora presentarmi al seggio e votare nella mia cabina sul foglio di carta.

Ci stiamo comunque dirigendo verso un mondo pieno di tecnologia, dove tutto ormai è sotto gli occhi di tutti. Su una cosa però non c’è dubbio: in questo modo il voto è alla portata di tutti. Chiunque infatti potrà votare anche in mobilità dal proprio smartphone, abbattendo così i tempi di attesa ai seggi e riducendo notevolmente i costi ed il dispendio della carta.

Come ultima (ma non per questo meno importante) considerazione, c’è da dire che potranno votare davvero molte più persone, specialmente i disabili che (io ne so qualcosa) fino ad ora non hanno potuto votare per via delle barriere architettoniche che ostacolano continuamente la vita quotidiana.

E voi che ne pensate? Ritenete un passo avanti la votazione tramite nuove tecnologie o preferite la classica e ben più collaudata modalità? Fatecelo sapere attraverso i commenti!

Via | CultOfMac

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.