Guai in vista per Foxconn, nome caldo della settimana: sembra che alcuni impiegati della fabbrica cinese abbiano rivelato le mosse del loro datore di lavoro per nascondere dei lavoratori sotto età prima che le ispezioni della Fair Labor Association iniziassero.

La notizia viene dalla SACOM (Students & Scholars Against Corporate Misbehavior) che riporta, per bocca di Debby Sze Wan Chan, parole di dipendenti Foxconn stessi: ai lavoratori sotto età, tra i 16 e i 17 anni, non sarebbero stati assegnati straordinari e alcuni sarebbero stati mandati a lavorare in altri dipartimenti per la durata delle ispezioni.

Almeno due lavoratori di Zhenghou hanno parlato con Chan, rivelando che alcune cose sono state modificate nelle fabbriche per migliorarne l’immagine davanti alla FLA. Un dipendente, ad esempio, che di solito dispone di una solo pausa durante il turno, ne ha avute ben tre quando c’erano gli ispettori.

Anche se il codice di condotta per i fornitori di Apple ammette lavoratori tra i 16 e i 18 anni, sono previste delle protezioni speciali per questa fascia di età, come lunghezza ridotta della giornata lavorativa ed esenzione nell’eseguire alcuni compiti, giudicati inadatti per la giovane età.

Intanto, i controlli continuano, con le prime dichiarazioni da parte del presidente della Fair Labor Association che parlano di “molti problemi” nelle fabbriche.

Via | CultOfMac