Notizie

Apple chiede il rimpatrio fiscale alla Casa Bianca

Apple possiede oltre 64 miliardi di dollari lontano dagli Stati Uniti ed avrebbe intenzione di “riportarli a casa”, ma le elevate tasse imposte dallo Stato trattengono questa idea.

 

Sembrerebbe che Apple abbia chiesto una sorta di permesso speciale per tutte le aziende dello stesso settore, in modo da incentivare il rientro di capitali dall’estero. Purtroppo però, nè il Congresso nè la Casa Bianca ha concesso questo privilegio, lo stesso Obama rifiuta di dare quest’esenzione per il rimpatrio dei capitali all’estero.

Attualmente rimpatriando il denaro qualsiasi azienda che dispone di ampi capitali sarebbe fortemente penalizzata a causa delle appunto elevate tasse. Alcune persone all’interno del Congresso però, pare siano favorevoli a concedere questo tipo di permesso. In particolare, il Senatore Kay Hagan spiega che se si accettasse questa proposta, negli USA potrebbero rimpatriare cifre come oltre 1000 miliardi di dollari da molte altre aziende, il che sarebbe sicuramente una bella botta di vita per l’economia americana.

Per come si stanno mettendo le cose adesso, Apple è costretta a lasciare il suo capitale all’estero, a meno che non decida di perderne una grande fetta a causa delle elevate imposte dello Stato.

Via | AppleInsider

Utilizziamo Link di Affiliazione Amazon che generano commissioni. Scopri cosa significa.

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Lascia un commento

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!