Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Arrestata la gang britannica che aveva rubato royalties per oltre 600 mila euro ad Apple e Amazon
Notizie

Arrestata la gang britannica che aveva rubato royalties per oltre 600 mila euro ad Apple e Amazon 

L’organizzazione, che, tra il 2009 e il 2010, aveva raccolto una cifra intorno ai 600 mila euro attraverso delle royalties fraudolente generate acquistando musica su Amazon e iTunes con delle carte di credito rubate, è stata incarcerata. Apple ed Amazon hanno registrato, al momento, perdite superiori al milione di euro.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Apple era stata allertata del problema quando è saltato fuori che stava pagando una somma – decisamente rilevante – ad un gruppo musicale di Wolverhampton (Inghilterra) praticamene sconosciuto.

La gang aveva escogitato un sistema ben articolato che prevedeva dapprima l’inserimento di canzoni sui server di Apple d Amazon, quindi – attraverso l’utilizzo di dati relativi a carte di credito rubate – l’acquisto delle stesse in grandi quantità. A ciò si aggiungeva un sistema che permetteva di evitare di essere scoperti, ricevendo il pagamento delle royalties direttamente dal distributore.

Si tratta di un imbroglio che non ha precedenti nel Regno Unito, e che ha portato il cantante del gruppo, Craig Anderson, ad un periodo di reclusione di 4 anni e 8 mesi. Sentenze più o meno analoghe anche per gli altri componenti del gruppo.

Via | TheVerge

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.