Curiosità

La quota Apple di Ronald Wayne, venduta per 2.300 dollari, ora varrebbe 60 miliardi | Curiosità

Il 12 Aprile 1976, uno dei tre fondatori di Apple Computer, vendette la sua quota societaria del 10% per 2.300$. Dopo 36 anni, visto il successo dell’azienda, quella quota varrebbe milioni di dollari.

Ronald Wayne è stato insieme a Steve Jobs e Steve Wozniak, uno dei fondatori di Apple Computer, oggi Apple Inc. Entrato in azienda in qualità di mediatore, nel caso gli altri due fondatori si fossero trovati in disaccordo riguardo a qualche decisione, dopo pochi giorni decise di abbandonare l’azienda vendendo la sua quota.

A differenza delle controparti Jobs e Wozniak, Wayne aveva investito il proprio capitale e si sarebbe trovato in perdita nel caso Apple fosse andata male. Una scelta pagata a caro prezzo in quanto se avesse conservato la sua partecipazione fino ai giorni nostri, il suo capitale sarebbe ora di quasi 60 miliardi di dollari. Wayne ha continuato a godere di una lunga carriera come ingegnere presso il Lawrence Livermore National Laboratory e dopo anni di diverse attività, fra cui l’apertura di un negozio di timbri, decise di ritirarsi a Pahrump, Nevada.

Apple è attualmente l’azienda più preziosa al mondo e nella giornata di mercoledì, la capitalizzazione di mercato ha sfiorato i 600 miliardi di dollari. 36 anni dopo, Ronald Wayne ha scritto in un piccolo saggio dal titolo “Ecco perchè lasciai Apple Computers dopo solo 12 giorni”, di come non vi sia alcun rimpianto riguardo tale decisione e viene inoltre confermato che una motivazione che lo ha spinto all’abbandono, fu proprio il rischio finanziario assunto.

Via | Bgr

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!