Notizie

Apple invoca il segreto d’ufficio sulle deposizioni di Steve Jobs ed Eddy Cue nella class action contro Universal Music

Secondo un report di The Hollywood Reporter pare che Apple si sia opposta ad una descovery request in una class action contro Universal Music Group in cui viene richiesto il rilascio delle deposizioni di Steve Jobs ed Eddy Cue.

Le deposizioni sono nate inizialmente in una disputa tra FBT Productions, i produttori dei dischi di Eminem e la divisione Aftermath Records di Universal Music. Anche se il processo sta per avere inizio pare che Apple abbia presentato formalmente la propria obiezione opponendosi alla descovery request e ritenendo che questa potrebbe alterare l’ordine di protezione attualmente esistente, affermando inoltre come tali documenti siano estremamente confidenziali nonché relativi a segreti commerciali.

Apple ha inoltre motivato questa opposizione dichiarando come la maggior parte delle persone coinvolte in questa disputa siano state fatte uscire dalla stanza durante le deposizioni, riportando come una loro pubblicazione potrebbe portare a danni concorrenziali.

In precedenza il tribunale aveva emesso un verdetto in favore del querelante in merito alla necessità di considerare il trattamento di contenuti musicali digitali come sotto licenza piuttosto che come vendite. Il processo avrà inizio a breve, ma il giudice avrebbe chiesto alle parti di rivedere le proprie richieste sui documenti e le deposizioni sopracitate relative alla disputa di F.B.T. Productions.

Via | 9to5Mac

Tag

Continua a leggere..

Lascia un commento

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!