Notizie

Ecco come iOS e Android stanno lentamente uccidendo Microsoft

Cosa sta accadendo all’industria dei computer? Un grafico ci mostra l’andamento delle quote di mercato mondiali delle piattaforme, comprese quelle mobili, dal 1975 al 2012.

Grazie al successo di iOS, la percentuale di mercato occupata dei dispositivi Apple è oggi tornata a quella posseduta negli anni ’80. Come si vede dal grafico, superato l’andamento stazionario degli anni ’90 la curva rossa di Apple ha preso ad impennare verso il 2007.

La piattaforma Windows di Microsoft dalla quota del 96% del mercato dei computer posseduta tra il 1998 e il 2005, è precipitata al solo 35% nel 2012. In questi ultimi anni, infatti, Apple e soprattutto Android stanno uccidendo WinTel.

Il grafico proviene da Mary Meeker, partner di Perkins Caulfiend e Byers e fa parte del suo report chiamato “2012 Internet Trends Year-End Update.

Microsoft con la partnership Intel finora ha praticamente dominato il mercato dei computer. Nel corso degli ultimi cinque anni, però, la situazione è cambiata. L’aumento degli smartphone basati su processori ARM e sistema operativo iOS o Android hanno fatto crollare la quota di mercato di Windows.

Windows è la linfa vitale di Microsoft e se l’andamento attuale dovesse continuare negli anni, potremo dire addio alla società di Redmond che ha fatto la storia dei computer. Non c’è da stupirsi quindi se Microsoft sta puntando tutto su una nuova interfaccia touchscreen per Windows 8 e sui nuovi dispositivi Windows Phone 8; è la loro unica salvezza.

Via | Cultofandroid

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!