Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Furti di smartphone crescenti a New York, intervengono i piani alti
Notizie

Furti di smartphone crescenti a New York, intervengono i piani alti 

L’Attorney General dello stato di New York ha chiesto ad Apple ed alle altre società leader del settore tecnologico di fare qualcosa per fermare la piaga dei furti di smartphone nello stato e conseguentemente aiutare nell’eliminazione del mercato nero dei dispositivi rubati.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

nypd-120921

Il ruolo dell’Attorney General dello stato di New York è molto simile a quello dell’Avvocatura dello Stato italiano ed ha principalmente un ruolo di consulente legale del governo. Eric Schneiderman ha scritto una lettera ad Apple, Google, Microsoft e Samsung in modo che queste sviluppino tecnologie che possano combattere efficacemente i furti di smartphone nello stato ed in tutto il mondo.

“Sto cercando di capire perché le società che possono sviluppare dei dispositivi così sofisticati non possano creare delle tecnologie per rendere gli stessi inutilizzabili se rubati”, ha scritto Schneiderman nella lettera. “In questo modo si eliminerebbe il sempre crescente mercato nero degli smartphone.”

Apple aveva già risposto al procuratore distrettuale George Gascón di San Francisco in un incontro poche settimane fa di non essere particolarmente interessata ad inserire ulteriori tecnologie per rendere inoperabili i dispositivi rubati. Del resto i prodotti Apple possiedono già strumenti per rintracciare i dispositivi una volta persi, come Trova il mio iPhone, mentre alcuni operatori telefonici possono inibire l’ingresso alle proprie reti indiscriminatamente ad un terminale specifico.

Solo lo scorso anno, solamente i furti di smartphone Apple (i più richiesti nel mercato nero), sono incrementati del 14%.

Via | AppleInsider

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.