Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

NTT Docomo: iPhone non è più il Dio di tutti gli smartphone
Notizie

NTT Docomo: iPhone non è più il Dio di tutti gli smartphone 

La frase, perentoria come non mai, è stata proferita da Katzuto Tsubouhi, attuale CEO di NTT Docomo, uno degli operatori telefonici giapponesi più diffusi nel paese asiatico. Tsubouhi rivela che iPhone non suscita più lo stesso interesse per quanto riguarda i contratti prepagati. Ma c’è un’altra verità di fondo che i vari amministratori delegati non ammettono.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

s4-vs-all

Inizialmente, quando iPhone ha letteralmente ridisegnato il mondo della telefonia mobile, gli operatori telefonici di tutto il mondo si ammassavano e le tentavano tutte pur di poter annoverare fra le proprie proposte il dispositivo di Cupertino. iPhone era lo smartphone per antonomasia, qualcosa di diverso e che letteralmente spopolava fra le masse.

La situazione, ad anni di distanza, si è un po’ affievolita, così come dimostra l’ultima intervista condotta dal Wall Street Journal a Katzuto Tsubouhi, attuale CEO di NTT Docomo, uno degli operatori telefonici più importanti in Giappone. Nello stato asiatico infatti le proposte con Android stanno prendendo sempre più piede, lasciando una parte di mercato minoritaria ad iPhone.

“Ci saranno sempre utenti che passeranno ad iPhone, ma le cose sono cambiate da quando questo sembrava essere il Dio di tutti gli smartphone”, si legge nelle pagine di WSJ. La frase senza dubbio è veritiera dal momento che ormai Android è maturato ed offre soluzioni dello stesso livello se non superiori per certi versi rispetto a quelle che propone Apple. Inoltre Tsubouhi pone l’attenzione su un altro fattore: la domanda non è quanti clienti iPhone attragga, ma quanti lascerebbero l’operatore perché questi non vende iPhone.

Domande legittime, ma c’è un altro fattore su cui Tsubouhi cerca di sorvolare: iPhone non garantisce dei margini di guadagno sostanziosi per gli operatori, inoltre non permette di personalizzare la Home con applicazioni pre-installate dello stesso operatore, che per Docomo sembrano essere indispensabili.

Tsubouhi ammette che ad oggi non è indispensabile inserire gli iPhone nei propri inventari dal momento che gli smartphone Android, ad oggi, sono molto più competitivi

Via | iDownloadBlog

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.