Notizie

Acquista un miliardo in azioni Apple e finisce dietro le sbarre

E’ il caso di un intermediario finanziario che si è forse fatto prendere troppo dall’entusiasmo, commettendo un errore che gli è costato davvero caro. Il suo nome è David Miller e dovrà ora scontare 30 mesi di carcere per aver portato alla rovina il suo datore di lavoro.

siri_stocks_hero_q1_2013

L’accusa è di frode telematica e cospirazione in patteggiamento. Durante la presentazione del terzo trimestre fiscale del 2012 il quarantunenne aveva acquistato un miliardo di dollari in azioni Apple, mille volte di più della cifra chiesta dal suo cliente (che si aggirava appunto ad un milione).

Certo che poi il valore sarebbe aumentato, la sua intenzione era quella poi di rivendere lo stock di azioni in eccesso quando il prezzo sarebbe salito, intascando la differenza. Purtroppo per lui così non è stato, mandando in fallimento la Rochdale Securities, azienda sita in Stamford (Connecticut) per cui l’ormai ex-operatore di borsa lavorava. Ma la manovra non è finita qui: Miller aveva infatti avviato dei contatti con un’altra società di investimenti per farsi assumere, nel caso l’operazione non fosse finita nel migliore dei modi.

L’avvocato di Miller ha preso le sue difese definendo l’incidente “una svista per un padre di famiglia buono e generoso come David che ha vissuto una vita sempre rispettosa di fronte alla legge. Miller si rammarica profondamente per quello che ha fatto e per il danno causato ad altre persone, tra cui gli ex dirigenti e dipendenti della Rochdale”.

Tag

Continua a leggere..

Continua a leggere con l'Infinite Scrolling


Queste linee blu separano gli articoli. Continua a scorrere la pagina per visualizzare l'articolo precedente.

Back to top button
Close
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo.

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!