Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Approfondimenti

Alleanza tra Apple e IBM : ecco i vantaggi che otterrà Apple

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Dopo la notizia della partership tra Apple e IBM, molti analisti ed esperti hanno cercato di comprendere le motivazioni che hanno spinto i due colossi informatici a questo importante accordo. Tim Cook lo scorso Gennaio aveva annunciato numeri incredibili per il mercato enterprise, affermando che, all’interno delle aziende elencate nella Fortune 500, iPhone e iPad vengono utilizzati rispettivamente nel 97 e 98 percento dei casi. C’è dunque spazio per la crescita in un settore già così ampliamente dominato? Ecco 7 motivazioni che vi convinceranno.

apple-+-ibm-mobile-enterprise

  • Annunciando che i dispositivi iOS sono utilizzati nel 97% delle imprese della Fortune 500 non è un dato significativo. Apple potrebbe aver incluso imprese che effettivamente hanno acquistato iPhone o iPad, ma magri solo in quantità limitate per i più alti dirigenti. In poche parole, non possiamo sapere se la maggioranza dei lavoratori dipendenti nelle aziende hanno a disposizione e utilizzano quotidianamente dispositivi Apple per lavorare.
  • Blackberry nel mercato consumer è effettivamente fuori dai giochi, ma c’è ancora una grossa fetta di utenti nel mercato enterprise che per familiarità o per inerzia non ha ancora cambiato piattaforma. Apple con questa partership vuole convincere anche i più scettici a fare il grande passo e ad entrare nel mondo iOS.

Ipad-Enterprise-

  • In alcuni mercati, includendo Europa, Africa e Medio Oriente, la presenza di dispositivi iOS nei settiori business è meno dominante di quel che si potrebbe pensare: le statistiche indicano che Apple possiede meno della metà dei potenziali acquirenti. Anche in Nord America la situazione è simile, con ancora un terzo del mercato nelle mani della concorrenza.
  • L’accordo portato a termine porta enormi vantaggi a tutte e due le aziende, unendo il software e l’hardware di Apple con il supporto e l’esperienza di IBM nell’ambiente enterprise. La partnership è destinata dunque a persistere nel tempo, contrariamente alle precedenti alleanze fra i due colossi.
  • Più i sistemi iOS diventano appetibili in ambito business, più le aziende in futuro potrebbero orientare le loro scelte verso OS X rispetto a Windows, anche se la predominanza del sistema operativo Microsoft è troppo estesa per pensare di conquistare il settore così facilmente.

ipad-in-enterprise_2

  • Android non è ancora un avversario temibile nel settore enterprise, ma le imprese si stanno dimostrando interessate all’ecosistema Google. Apple quindi vuole difendersi preventivamente da questo pericolo.
  • L’utilizzo sempre più prolungato di iOS in ambito lavorativo costringe i clienti a familiarizzare e ad imparare ad utilizzare l’ecosistema Apple: gli utenti quindi potrebbero dimostrarsi più favorevoli ad un cambio di sistemi operativi anche al di fuori della vita lavorativa, distaccandosi dagli avversari Microsoft e Google.

Dopo questa analisi, cosa ne pensate di questa sempre più discussa alleanza tra Apple e IBM?

Via | 9to5mac

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.