Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Il primo ministro finlandese incolpa Apple per la crisi economica del suo paese
Notizie

Il primo ministro finlandese incolpa Apple per la crisi economica del suo paese 

Il primo ministro finlandese Alexander Stubb ha oggi pubblicamente accusato Apple di essere una delle principali cause della crisi economica del suo paese. Secondo Stubb, l’attività e la politica della società californiana avrebbe infatti portato alla crisi di Nokia e dell’industria cartaria, il settore più importante del paese nordico.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

premier-finlandia

Ecco quanto affermato da Alexander Stubb in un’intervista alla CNBC:

L’iPhone ha ucciso Nokia e l’iPad ha ucciso l’industria cartaria, ma ci riprenderemo.

Ma questa non è la prima volta in cui Apple viene accusata di aver danneggiato l’economia finlandese. All’inizio di quest’anno, Stubb aveva affermato quanto segue in una intervista concessa al quotidiano svedese Dagens Industri:

Avevamo due pilastri su cui basarci: il settore IT, e l’industria cartaria. Steve Jobs ha preso i nostri posti di lavoro.

E’ importante sottolineare, e ricordare, che Apple ha pagato milioni di dollari a Nokia in merito agli accordi sulla licenza dei brevetti. Anche se non sono noti i dettagli di tali accordi, l’ex CEO di Nokia, Stephen Elop, affermò che la società finlandese registrava più di 650 milioni di dollari l’anno grazie agli accordi con Apple e con le altre società.

Via | CultOfMac

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.