Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

AppleBrevettiNotizie

Apple potrebbe dover pagare 533 milioni di dollari per aver infranto un brevetto

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Sarà che ultimamente moltissimi portali online hanno come headline notizie che sottolineano quanto Apple sia diventata un’azienda ricca, ma le cause che vedono coinvolta l’azienda di Cupertino aumentano esponenzialmente dando l’impressione che tutti stiano cercando di accaparrarsi una fetta di questa ricchezza.

nuova causa apple brvetto itunes

Una giuria federale in Tyler, Texas, ha infatti decretato che Apple debba pagare 532.9 milioni di dollari a Smartflash LLC per aver infranto alcuni brevetti relativi all’accesso ai metodi di pagamento su iTunes.

La richiesta di risarcimento originale è stata compilata da Smartflash LLC nel 2013 e prevedeva inizialmente un risarcimento di 852 milioni di dollari. L’azienda si sentiva infatti in diritto di richiedere una percentuale sulle vendite effettuate su iTunes indipendentemente se la piattaforma di accesso fosse iPhone, iPad o Mac.

Kristin Huguet, portavoce di Apple, afferma che ovviamente l’azienda non abbasserà la testa dopo questo primo verdetto, mentre l’avvocato di Smartflash LLC si compiace invece del lavoro della giuria.

Dovete comprare casa? Fate un giro su iTunes o su Apple.it, magari riuscite anche voi a racimolare qualche soldo.

Via | iDownloadBlog

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.