iPadNotizie

Fornitori di Apple in difficoltà a causa della scarsa domanda di iPad

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Le vendite di iPad sono scese sotto alle 10 milioni di unità in questo trimestre per la prima volta dal 2011, e la mancanza di domanda non è di certo un fattore positivo per i fornitori di Apple. Secondo un nuovo rapporto infatti, l’azienda Coretronic con sede in Taiwan è stata costretta a ridurre il personale in tre stabilimenti e a chiuderne definitivamente uno a Nanjing, Cina.

PUBBLICITÀ

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.


ipadmini4

Coretronic, considerato il difficile momento, ha accusato Apple di non aver apportato le modifiche necessarie per rendere i suoi nuovi iPad, in particolare iPad mini 4, dei prodotti ‘must have’.

Ieri Apple ha annunciato i risultati finanziari del Q4 2015, confermando il grande successo di iPhone (48 milioni di unità) e il calo di iPad (9,8 milioni). Il CFO di Apple Luca Maestri ha a tal proposito dichiarato che le vendite di iPad sono diminuite a causa di altri prodotti della società, come iPhone 6 Plus che può contare su un display da 5,5″.

Via | CultOfMac

Se hai trovato interessante questo articolo, condividilo e fallo leggere anche ai tuoi amici:

Back to top button

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.