Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Apple

Apple sostenuta dal giudice di New York contro lo sblocco degli iPhone

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Un giudice di New York, responsabile della causa contro Apple per lo sblocco di un iPhone 5S, afferma che il governo non può costringere l’azienda di Cupertino a sbloccare i propri dispositivi.

apple causa trimdim

Il giudice, sfruttando la All Whist Act, ha sostenuto la completa libertà di Apple nel decidere se sbloccare o meno il dispositivo sotto sequestro. Il caso in questione non è quello di San Bernardino, bensì una recente indagine anti-droga. Uno degli indagati aveva in possesso un iPhone 5S bloccato con codice, quindi completamente inaccessibile per le indagini. Apple anche in questa occasione si è rifiutata di sbloccarlo, fornendo solamente le informazioni che possedevano, senza consentire un accesso completo a tutti i dati dell’iPhone.

Per quanto riguarda il caso di San Bernardino siamo ancora in attesa per futuri sviluppi, sapendo che Apple rimarrà fedele alle proprie affermazioni riguardanti la privacy degli utenti.

Via | Engadget

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Continua a leggere..

Back to top button
Close

Stai utilizzando un AdBlocker


iSpazio è un portale gratuito, supportato da Pubblicità. Non faremo mai pagare i nostri utenti per leggere le Notizie.

Le pubblicità su questo Blog non sono mai state di tipo invasivo e sono davvero poche, posizionate in maniera tale da non arrecare disturbo. Qui NON TROVERAI MAI Pubblicità Video, Pubblicità con riproduzione automatica oppure Pubblicità che si sovrappongono allo schermo!

Per tutti questi motivi, ti invitiamo a disattivare il tuo AdBlocker soltanto su questo sito per continuare la navigazione. Grazie di cuore!

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.