Connect with us

Hi, what are you looking for?

Curiosità

“Find my Phone”: il viaggio di un telefono rubato raccontato in un documentario [Video]

Vi siete mai chiesti che fine fanno i nostri dispositivi dopo essere stati rubati, chi è stato a rubarli oppure ancora se mai riusciremo a recuperarli? A queste ed altre domande trova risposta un documentario realizzato da un ragazzo dopo essersi trovato malauguratamente nella situazione in cui nessuno vorrebbe mai trovarsi.

template-750

Dopo che il suo primo iPhone gli fu rubato, Anthony van der Meer, studente di Cinema nei Paesi Bassi, non poté trattenersi dal tentare un esperimento che gli ha consentito di realizzare un documentario che risponde esaustivamente, basandosi su dati e situazioni reali, alle domande che lui, come qualsiasi utente nelle sue condizioni, si è trovato a porsi.

Affidandosi ad un HTC One M7 su cui era stata precedentemente installata l’app spyware “Cerberus”, Anthony, dopo essere riuscito a farselo rubare volutamente lasciandolo incustodito per le strade di Rotterdam , è riuscito a monitorare le azioni e le operazioni svolte dal ladro successivamente al furto.

Advertisement. Scroll to continue reading.

“Cerberus”, app presente su Android, a differenza di “trova il mio iPhone” di Apple che riesce esclusivamente a rintracciare geograficamente il dispositivo, consente letteralmente di “spiare” il ladro controllando in remoto lo smartphone appena viene connesso ad una rete internet.

Il ladro, a distanza di qualche giorno dal furto, ha inserito una SIM nel dispositivo e, una volta connesso quest’ultimo ad internet, ha consentito allo studente di prenderne il controllo e di lasciarlo rovistare fra le sue foto fra cui ovviamente comparivano addirittura dei selfie.

Oltre alle foto, Van der Meer è riuscito anche ad ascoltare le conversazioni private del ladro che gli hanno consentito di constatare i gravi problemi economici di quest’ultimo.

Nella parte finale di questo primo episodio del documentario possiamo notare che il ragazzo, dopo i primi sensi di colpa per l’aver “ingannato” un povero senzatetto, il ragazzo ha deciso di effettuare una ricarica anonima sulla SIM del ladro lasciando comunque ancora attivo lo spyware pronto per girare un secondo episodio.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Qui sotto potete trovare il documentario completo:

 

Advertisement. Scroll to continue reading.

Potrebbero piacerti

News

Si prevede che Apple introdurrà diversi cambiamenti significativi nella gamma di iPhone entro la fine dell’anno con la serie iPhone 12. Tuttavia, prima di...

News

Vi avevamo precedentemente segnalato che i dipendenti Target aveva pubblicato l’immagine di un elenco di prodotti in cui viene mostrato un modello di “Airpods...

Operatori

La fusione tra Wind e Tre ha creato un grosso operatore che oggi lancia sul mercato il proprio virtuale chiamato Very Mobile. Per i...

News

La modalità oscura di WhatsApp per iOS è vicina, con la tanto attesa funzionalità disponibile per tutti gli utenti beta su TestFlight. Raccogliendo i...

Advertisement

Copyright © 2007-2020 - iSpazio di Fabiano Confuorto | Partita IVA: 06821291215