Tim Cook giustifica i risultati del trimestre: la richiesta di iPhone 7 Plus ed AirPods è largamente superiore alla produzione

Tim Cook giustifica il calo di vendita degli iPhone dichiarando che la domanda è stata maggiore dell’offerta. Stesso discorso anche per le AirPods che, insieme agli Apple Watch, stanno emergendo sempre di più diventando prodotti “di punta”. I vari Leaks su iPhone stanno rallentando le vendite dei modelli attuali.

Abbiamo da poco pubblicato i risultati del secondo trimestre fiscale di Apple. L’azienda è riuscita ad ottenere ricavi maggiori rispetto alle previsioni e rispetto all’anno precedente, tuttavia le vendite di iPhone ed altri prodotti hanno subito un calo.

airpods iphone

Tim Cook, dopo le dichiarazioni ufficiali sui risultati, ha voluto precisare che la domanda è stata maggiore rispetto ai prodotti che l’azienda aveva a disposizione.

In particolare, l’iPhone 7 Plus è stato molto più richiesto di quanto la società potesse immaginare. Il CEO ha confermato di non essere riuscito a calcolare bene la quantità di iPhone 7 Plus da produrre rispetto agli iPhone 7 per cui molti utenti hanno richiesto uno smartphone che l’azienda non aveva a disposizione e che le conseguenze di questo “errore” si riflettono anche nelle vendite di Aprile, quindi ne troveremo traccia nel rapporto sui risultati del prossimo trimestre. La colorazione RED tuttavia ha portato dei benefici e quindi il Q3 sembra essere roseo.

Stesso discorso vale anche per le AirPods, le quantità a disposizione non sono ancora sufficienti per soddisfare la domanda.

Nei risultati fiscali, Apple ha unito l’Apple Watch, le AirPods, la Apple TV, gli iPod e le cuffie Beats sotto la voce “Altri Prodotti”. Le vendite di questi “prodotti minori” tuttavia, sono tutt’altro che basse. In particolare Apple Watch ed AirPods stanno emergendo sempre di più e le cuffie crescono del 31% ogni trimestre. Questi due prodotti, da soli, riescono a generare ricavi pari a quelli di una qualunque azienda presente nella classifica Fortune 500 delle società più grandi al mondo..

Nel frattempo i tempi di spedizione delle AirPods sono ancora alti e si aggirano intorno ad 1 mese, proprio a conferma del fatto che la domanda è più alta dell’offerta.

L’iPhone 8 mette in pausa le vendite:

In un nuova dichiarazione Tim Cook sostiene che un calo di vendite comunque era prevedibile: “è da mesi che circolano notizie sul prossimo iPhone. Rumors, concept e quant’altro hanno iniziato a fare il giro del mondo molto prima rispetto al solito. Per questo motivo è del tutto normale aspettarsi un piccolo rallentamento nelle vendite”.

Tim Cook giustifica il calo di vendita degli iPhone dichiarando che la domanda è stata maggiore dell’offerta. Stesso discorso anche…


Iscrivetevi al canale cliccando il tasto.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
73
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: