Google copia Apple, o viceversa? La società di Cupertino e l’acquisto di Grokr

Apple potrebbe aver perfezionato l’acquisto di una società chiamata Grokr, che sta alla base dell’omonimo servizio che in passato era stato definito come il “Google Now per iOS”. La società di Cupertino, grazie all’acquisto, potrebbe implementare funzionalità simili a quelle dell’assistente vocale di Mountain View anche sul suo Siri.

grokr-right

Il sito Cult of Mac avrebbe lanciato quella che potrebbe essere più che una provocazione, ma alcune prove circostanziali che parlerebbero di una possibile acquisizione di Grokr da parte di Apple. Grokr è un servizio di ricerca predittiva che combinato all’interno dell’attuale Siri dei dispositivi iOS più moderni, potrebbe permettere ad Apple di raggiungere nuovamente la leadership nel settore degli assistenti vocali mobile.

Google Now, fra le sue funzioni, vanta quella di mostrare informazioni anche prima che l’utente le abbia ricercate. Lanciando l’applicazione, infatti, l’utente avrà accesso a tutte le aree di interesse impostate preventivamente come il meteo, la distanza verso le destinazioni preferite, il compleanno dei vari contatti, i risultati sportivi e molto altro.

Ad esempio, se cerchiamo i biglietti per un film in America con Google Now, questo ci darà i risultati calcolando anche il traffico delle strade da percorrere per raggiungere il cinema in questione, suggerendoci un orario entro il quale partire. Google Now ha altre funzioni, oltre a questa, che permettono di dare il massimo all’interno di un assistente vocale, funzioni che Siri non possiede nella sua implementazione attuale.

google_now_widget

Grokr, oltre alle funzionalità predittive permetterebbe di accedere alle varie funzioni del dispositivo in maniera più simile a quanto effettuato da Google Now piuttosto che da Siri, accedendo alla nostra libreria musicale per informarci di eventuali concerti delle nostre band preferite nella nostra zona, o venendo a conoscenza dei nostri interessi tramite i post che inseriamo nei social network.

Sostanzialmente Grokr annullerebbe il vantaggio che ad oggi Google Now dispone nei confronti di Siri. Tuttavia non ci sono informazioni specifiche che farebbero pensare ad un acquisto da parte di Apple, ma Cult of Mac ha comunque analizzato la situazione, “unendo i puntini”:

  • Tim Cook, attuale CEO di Apple, ha dichiarato durante l’intervista presso la D11 di AllThingsD che la società ha acquistato segretamente nove compagnie diverse durante l’ultimo anno fiscale, iniziato lo scorso 30 settembre.
  • Apple svelerà “il futuro di iOS” al prossimo WWDC 2013
  • Grokr permetterebbe di ridurre il gap fra le funzionalità offerte da Google Now e quelle di Siri, al momento attuale
  • Grokr è stato rimosso da App Store, così come Siri prima della sua introduzione in forma nativa su iOS
  • Grokr ha annunciato di aver eliminato l’applicazione omonima che verrà rimpiazzata da un nuovo progetto chiamato NEXT
  • NeXT era, guarda caso, il nome della società fondata da Steve Jobs quando licenziato da Apple
  • Grokr ha dichiarato che i servizi dell’attuale applicazione saranno terminati oggi, 3 giugno 2013, esattamente una settimana prima del keynote di presentazione della WWDC 2013 dove iOS 7 verrà presentato
  • Grokr ha annunciato il lancio di un prodotto in beta “nelle prossime settimane”.

Le prove per una probabile acquisizione non ancora annunciata ci sono tutte ed alcune sembrano più che evidenti dal momento che, ripercorrendo la storia della società di Cupertino, ricordano la presentazione di altre feature annunciate nel passato.

Mi Piace
Mi Piace Love Haha Wow Sigh Grrr
Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli, proprio come tramite gli RSS. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!
Pubblicato in: