Greenpeace ha pubblicato la sua Guide to Greener Electronics, che fornisce dettagli sulle pratiche in favore dell’ambiente di 17 importanti aziende incluse Apple, Google, Amazon, Microsoft, Sony, Samsung e altre.

Tra tutte le aziende di cui Greenpeace ha valutato l’energia, l’utilizzo di risorse e le sostanze chimiche, Apple ha ricevuto il secondo miglior voto, superata solo da Fairphone, un dispositivo creato cercando di ridurre quanto più possibile l’impatto ambientale.

Apple è stata elogiata per il suo impegno nell’utilizzo di energie rinnovabili e la riduzione di emissioni, e per la sua trasparenza sui prodotti chimici utilizzati per i suoi prodotti. Secondo Greenpeace, l’azienda di Cupertino è l’unica ad aver fissato l’obiettivo di utilizzare energie rinnovabili per la sua catena di stabilimenti e molti dei suoi fornitori stanno già seguendo tale direttiva, impegnandosi ad utilizzare energie rinnovabili al 100%.

Il voto generale di Apple assegnato da Greenpeace è B-, ma più in particolare, l’azienda ha ricevuto un A- per i suddetti impegni ambientali, una B per i prodotti chimici e una C per le risorse, dovuta in gran parte alla scarsa riparabilità dei suoi dispositivi e all’utilizzo di componenti proprietari.

Ad inizio anno, Greenpeace nel suo rapporto annuale ha conferito ad Apple il titolo di società tech più ecologia al mondo. Un primo posto nelle classifica ottenuto analizzando fattori come la trasparenza energetica, l’efficienza energetica, l’impegno nell’utilizzo di energie rinnovabili e la sua promozione.

Via | MacRumors