Facebook ha ammesso che la società ha segretamente cancellato i messaggi inviati su Messenger dal fondatore e CEO Mark Zuckerberg.

“Dopo che le e-mail di Sony Pictures sono state violate nel 2014, abbiamo apportato una serie di modifiche per proteggere le comunicazioni dei nostri dirigenti. Queste includevano la limitazione del periodo di conservazione per i messaggi di Mark in Messenger. Lo abbiamo fatto nel pieno rispetto dei nostri obblighi legali di conservazione dei messaggi.”

I vecchi messaggi di Facebook inviati da Zuckerberg sono semplicemente svaniti da alcuni thread esistenti e TechCrunch segnala che i messaggi interessati non compaiono più nello strumento di download di Facebook. Tuttavia, la società non ha mai rivelato pubblicamente la rimozione dei messaggi dalle caselle di posta degli utenti, né informato privatamente i destinatari.

Un portavoce di Facebook ha confermato a TechCrunch che gli utenti possono solo eliminare i messaggi dalla loro casella di posta e che si visualizzano ancora nella discussione del destinatario. Sembra che non ci sia alcun “periodo di conservazione” per i normali messaggi degli utenti. Ciò indica che Zuckerberg e altri dirigenti hanno ricevuto un trattamento speciale per essere in grado di ritirare i messaggi inviati in precedenza.

Le chat di Facebook inviate da Zuckerberg da diversi anni o più non erano presenti nelle caselle di posta di ex dipendenti e non dipendenti. Nessuno dei termini di servizio di Facebook  sembra conferire il diritto di rimuovere il contenuto dagli account degli utenti a meno che non violi gli standard di comunità della società. Non è chiaro esattamente ciò che Facebook ha cercato di ottenere cancellando i messaggi di Zuckerberg, ma è preoccupante sapere che può e manipolerà le caselle di posta degli altri utenti se lo ritiene opportuno.

Il problema è amplificato dal fatto che Facebook Messenger ha ora 1,3 miliardi di utenti, rendendolo uno dei più popolari programmi di comunicazione al mondo.