Apple avrebbe chiesto ai suoi fornitori ridurre di circa il 20% la produzione dei componenti per la line-up di iPhone del 2018, stando a quanto riportato da una fonte a Nikkei. La decisione sarebbe stata presa per tentare un “approccio più cauto” alle spedizioni di iPhone nel 2018 rispetto a quanto fatto nel 2017.

In particolare, lo scorso anno Apple avrebbe piazzato ordini per la produzione di componenti per 100 milioni di unità di iPhone 8, 8 Plus e X. Il numero è diminuito a 80 milioni nel 2018, stando alla fonte.

«Apple è abbastanza conservativa in termini di nuovi ordini per gli iPhone di quest’anno», ha rivelato una fonte interna a Nikkei Asian Review. «In particolare per i tre nuovi modelli, la capacità totale potrebbe essere inferiore del 20% rispetto agli ordini dello scorso anno».

Il rapporto di Nikkei riprende poi il recente rumor dell’analista Ming-Chi Kuo, il quale ha affermato che tutti e tre i nuovi iPhone arriveranno sul mercato a Settembre 2018 (due modelli con display OLED da 5.8″ e 6.5″ rispettivamente, e un modello con display LCD da 6.1″).

Il modello dal prezzo più contenuto viene inteso da Apple come lo strumento per dare una spinta alle spedizioni totali di quest’anno, e tutti i fornitori stanno facendo il possibile affinché lo smartphone con LCD arrivi sugli scaffali nei tempi previsti.

Apple dovrebbe lanciare tre nuovi iPhone nella seconda metà del 2018: un ‘iPhone X Plus’ con display OLED da 6.5″, un iPhone X di seconda generazione con display OLED da 5.8″ e, infine, un modello con display LCD da 6.1″. Tutti dovrebbero avere un design full screen e dovrebbero supportare il sistema Face ID.