Per motivi di sicurezza, è attualmente impossibile lanciare sistemi operativi diversi da macOS o Windows 10 sui Mac che utilizzano il processore T2. A meno che…

Il processore T2 di Apple

Il processore T2 si assicura che il Mac sia in completo stato di sicurezza quando viene avviato, controllando ogni singolo passaggio del processo di accensione. E il modo in cui questo sistema di sicurezza è stato implementato nell’hardware impedisce a macOS Mojave di eseguire il tanto apprezzato Linux.

Per avviare invece Windows 10 è necessario abilitare prima Boot Camp. Infatti, Apple ha deciso di fare un’eccezione con il sistema operativo di Microsoft. Al fine di garantire un’esecuzione sicura di quest’ultimo, il firmare UEFI dei Mac include una copia del certificato Microsoft Windows Production CA del 2011.

I Mac che utilizzano il chip T2:

  • MacBook Pro 2018
  • MacBook Air 2018
  • Mac mini 2018
  • iMac Pro

La soluzione

Ma allora è davvero impossibile eseguire un sistema operativo diverso da macOS e Windows 10? La soluzione per lanciare Linux, ad esempio, sembra essere abbastanza ovvia: disabilitare Secure Boot. Apple stessa fa notare che è possibile disabilitare la funzione tramite Startup Security Utility nella modalità Recovery di macOS.

Le impostazioni di macOS per disabilitare Secure Boot

L’opzione No Security disabilita completamente l’analisi in fase di avvio sui processori Intel e permette di eseguire sui Mac con il chip T2 qualsiasi sistema operativo.  Si tratta dunque di un modo per aggirare l’ostacolo, ma è fondamentale considerare eventuali rischi e conseguenze, di cui iSpazio non si assume la responsabilità.

Cosa ne pensate del processore T2 di Apple e del suo funzionamento? Da molti viene considerato come un segno di chiusura, un qualcosa di cui l’azienda di Cupertino è stata già accusata in passato. Siete d’accordo? Dite la vostra nei commenti.