Scarica la nostra App

iSpazio app

Resta in contatto con noi

Ascolta il nostro Podcast

ispazio podcast

Subscribe Now

* You will receive the latest news and updates on your favorite celebrities!

Trending News

Apple si concentra più su selezione e qualità che sulla quantità di contenuti video esclusivi
Apple TV

Apple si concentra più su selezione e qualità che sulla quantità di contenuti video esclusivi 

Manca meno di una settimana per scoprire il servizio Apple di streaming video e i dettagli continuano ad essere svelati alla luce dell’evento del prossimo 25 marzo. Oggi il Finacial Times riporta qualche particolare sull’Apple streaming service, incluso come le sue ambizioni differiscano da quelle di Netflix.

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

L’articolo ripropone che un componente del progetto di streaming di Apple sarà un’upgraded version dell’app TV. Con questa app gli utenti potranno abbonarsi a servizi offerti da terze parti, aziende diverse da Apple. Il Financial Times rivela che Viacom e CBS sono in fase di “trattative avanzate” per integrarsi nel servizio streaming, mentre non ci sono tracce di un coinvolgimento di Warner Media:

“Viacom e CBS sono in fase avanzata di trattativa per fornire licenze dei programmi, e anche la HBO di AT&T sta negoziando, hanno riferito fonti vicine alla questione. Per il momento non si è accennato ad altri contenuti di Warner Media, ma potrebbe essere una possibilità futura”.

Warner Media sta di certo preparando per quest’anno il lancio del proprio servizio streaming. Potrebbe essere questo il motivo per cui la compagnia non sta negoziando con Apple, ma in futuro potrebbe farlo. Disney è in una situazione simile, ci si aspetta che proponga il suo servizio streaming a fine anno.

La strategia di Apple è anche molto diversa da quella di Netflix, secondo l’articolo del Financial Times. Mentre Netflix si sta concentrando sull’inseguire il mercato di massa con un enorme volume di contenuti originali, Apple pare stia facendo molta selezione con un’offerta minore ma di maggiore qualità”.

L’articolo conferma anche che gli studios sono frustrati per la discrezione di Apple. Il dirigente di un network ha affermato che Apple non ha illustrato una strategia, nonostante renderà pubblici gli aspetti del proprio streaming service la prossima settimana. La compagnia ad ogni modo sembra non essere ansiosa di crearsi una cattiva reputazione sulla difficoltà che hanno i suoi partner a lavorare con essa”.

Apple renderà pubblico il proprio streaming service la prossima settimana durante un evento allo Steve Jobs Theater assieme alle novità su Apple News. Leggi tutto ciò che ci si aspetta dall’evento del 25 marzo.

via 9to5mac

Contenuto bloccato. Devi accettare i cookies per visualizzare questo contenuto.

Related posts

Commenti

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.